Musiche e parole di migrazioni a “Un Paese all’Opera”

Per il tradizionale concerto a San Matteo della Decima un programma di musiche e canzoni legate al tema dell’emigrazione italiana fra ‘800 e ‘900

clicca sull’immagine per leggere il depliant

La XVI edizione di Un Paese all’Opera, l’ormai consolidato appuntamento estivo con il canto e la lirica promosso dall’Associazione Settima Diminuita di San Matteo della Decima, con il patrocinio del Comune di San Giovanni in Persiceto, propone quest’anno un concerto in piazza con il tenore Cristiano Cremonini affiancato dalla pianista Morena Malaguti e dalla Microband di Luca Domenicali e Danilo Maggio. Con il titolo Valigie. Musiche e parole di migrazioni, il programma presenta musiche e canzoni legate al tema all’emigrazione italiana verso le Americhe composte da autori quali Luigi Denza, Francesco Paolo Tosti, Ernesto De Curtis, Astor Piazzolla.

Come è tradizione di questa manifestazione, lo spettacolo interagisce con i laboratori artistici seguiti nei giorni scorsi dai bambini del paese, con l’intento di creare “un momento d’incontro della comunità che si ritrova per combattere il sentimento di paura e di diffidenza verso i cambiamenti e verso gli «altri» diversi da sé”.

14 agosto 2016 – ore 21,15 – ingresso a offerta libera
Piazza V aprile – San Matteo della Decima (Bologna)

Con “Cin-ci-là” il brindisi per i 15 anni di “Un Paese all’Opera”

Per il tradizionale evento spettacolare del 14 agosto a San Matteo della Decima una festa dedicata all’operetta

paese all_opera_2015

clicca sull’immagine per scaricare il depliant

In occasione della manifestazione Un Paese all’Opera, portata avanti con viva partecipazione di pubblico fin dal 2001, le Associazioni Settima Diminuita di San Matteo della Decima e Màrgana di Roma con il patrocinio del Comune di San Giovanni in Persiceto propongono Cin-ci-là nel Paese dei campanelli, un galà di operetta con i cantanti Elena D’Angelo e Umberto Scida affiancati dal corpo di ballo e dall’orchestra della compagnia Grandi spettacoli e l’intervento dei bambini che partecipano ai laboratori iniziati lunedì 10 agosto. La regia è affidata a Gianni Versino, le coreografie dei bambini sono curate da Sabrina Lucido; la direzione artistica è di Morena Malaguti.

In occasione dello spettacolo verrà presentata al pubblico la nuova iniziativa di Settima Diminuita intitolata Adotta frammenti di cultura, finalizzata alla trasformazione di Un Paese all’Opera da unico grande evento in una serie di eventi intessuti nel sociale in cui tradizione e contemporaneità si fondono per dar vita ad uno spettacolo originale.

14 agosto 2015 – ore 21,15 – ingresso a offerta libera
Piazza V aprile – San Matteo della Decima (Bologna)

promo_paese_all_opera

Clicca sull’immagine per vedere il promo della manifestazione

Crowdfunding per “Un Paese all’Opera”

Nel progetto di Settima Diminuita laboratori per bambini chiamati a scrivere il testo di uno spettacolo tutto dedicato a Verdi

E’ possibile adottare il progetto con una donazione online sul sito www.starteed.com. Ecco il testo dell’appello:

Cari amici e sostenitori
Benvenuti nel mondo di un Paese all’Opera… Grazie di essere qui con me per condividere questo progetto!
Fin da quando ho iniziato a studiare musica ho sempre sentito che la cultura vive nella società e per questo ho suonato dentro le fabbriche, nei manicomi, negli ospedali e ovunque ci fosse la possibilità di divulgare musica e cultura al di fuori dai luoghi tradizionali e più vicino alle persone. È proprio nella ricerca di rompere gli schemi rigidi che regolano i ruoli di artista e di spettatore che nel 2001 è nato “un Paese all’Opera”, un progetto unico in Italia, dove musicisti professionisti e volontari lavorano fianco a fianco con i bambini per allestire un’opera lirica, parlando, giocando e condividendo un percorso.

Un Paese all’Opera è partecipazione attiva allo spettacolo, è tutela della memoria culturale musicale collettiva, è opera lirica nei vecchi granai, nei campi di calcio dismessi, nei cantieri. Non è solo fare uno spettacolo, ma farlo con i volontari e gli abitanti di un paese, con i bambini che hanno imparato ad imparare realizzando scene, attrezzerie, costumi, coreografie, provando insieme ad orchestre, cori, cantanti, tecnici e facendo “L’Opera”.

Tutto questo in un piccolo paese in provincia di Bologna che nella settimana di ferragosto mette in campo la propria energia e creatività in un continuo equilibrio fra la tradizione del passato e l’immaginazione del futuro

In questi anni, numerosi e affermati artisti hanno offerto la loro disponibilità a sostegno dello spirito del progetto che, nel 2012, ha ricevuto l’adesione del Presidente della Repubblica.

Credo che la cultura, attraverso tutte le sue forme espressive, contribuisca a creare bellezza e sviluppo e  che sia un necessario investimento per il futuro delle persone, dei bambini e del paese.

Questo è sempre stato e vuole continuare ad essere Un Paese all’Opera, un progetto grande  in un  paese piccolo che ora fatica a trovare gli sponsor  per proseguire la sua avventura

Abbiamo pochi giorni per questa raccolta fondi perché lo spettacolo sarà il 14 agosto e solo grazie al tuo contributo saremo in grado di offrire, anche quest’anno, i laboratori ai bambini che scriveranno  il testo dello spettacolo dedicato alla vita di Giuseppe Verdi attraverso i suoi cori più popolari.

Morena Malaguti  associazione Settima Diminuita

Paese_all_Opera_2013

Musica, danza e video per l’acqua come bene mondiale

Al Teatro Belli di Roma festa per la chiusura del progetto Turchia – Unione Europea “Cultures and Water Carriers”

locandina

Domenica prossima alle ore 11,00 il Teatro Belli di Roma ospiterà la festa di chiusura del progetto di scambio internazionale Italia/ Turchia intitolato Cultures and Water Carriers e promosso dalla Associazione Settima Diminuita. Per il progetto – co-finanziato dall’Unione Europea e dalla Repubblica di Turchia – sono stati selezionati dall’Italia e dalla Turchia 30 giovani neodiplomati o diplomandi di una scuola di formazione professionale (danzatori, musicisti, costumisti, videoartisti) che nei mesi scorsi hanno collaborato alla realizzazione dello spettacolo Tutti i fiumi corrono al mare che mai si riempie.  Dopo aver presentato lo spettacolo sia in Italia che in Turchia, la compagnia saluterà il pubblico romano con una performance a ingresso libero in cui verranno presentate danze, musiche e video creati dai partecipanti al progetto.

Domenica 16 dicembre – ore 11,00
Teatro Belli – via Santa Apollonia 11/a – Roma (Trastevere)
Ingresso libero

Vivo successo per “Terre d’acqua / Terre in moto”

Calorosa partecipazione all’iniziativa di solidarietà di Un Paese all’Opera a favore dei bambini di Crevalcore colpiti dal sisma

Foto di Gianfranco Visentini

Ecco il comunicato dell’Associazione Settima Diminuita promotrice dell’evento che ha visto l’Adesione del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e il Patrocinio dei Comuni di San Giovanni in Persiceto e di Crevalcore:

Grazie al contributo di tutti gli amici che hanno sostenuto la XII edizione di Un Paese all’Opera. Nella serata abbiamo raccolto Euro 2.093,03 per Crevalcore. Il sindaco ci ha detto che stanno trasformando una vecchia bocciofila in spazio teatrale per le attività artistiche indirizzate ai bambini e ai giovani. Grazie ancora a tutti … il mondo dell’arte è davvero generoso!

Altre immagini a questo link.

Foto di Gianfranco Visentini

“Un Paese all’Opera” per la ricostruzione

Con lo spettacolo “Terre d’acqua / Terre in moto” torna – all’insegna della solidarietà – il tradizionale evento musicale del 14 agosto a San Matteo della Decima

L’Associazione Settima Diminuita di San Matteo della Decima (Bologna) ripropone anche quest’anno – nonostante le difficoltà create dal sisma che ha colpito l’Emilia nel maggio scorso – la manifestazione Un Paese all’Opera  portata avanti con viva partecipazione di pubblico fin dal 2001 e che quest’anno ha ottenuto, oltre al Patrocinio dei Comuni di San Giovanni in Persiceto e di Crevalcore, un importante riconoscimento: l’Adesione del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Il concerto-spettacolo Terre d’acqua / Terre in moto – che verrà messo in scena il 14 agosto nella piazza V Aprile – vuole essere un segno di continuità della manifestazione all’interno di una comunità in cui la tradizione dell’opera lirica ha profonde e solide radici. Al tempo stesso la serata sarà anche un’occasione per contribuire alla rinascita culturale di un territorio messo a dura prova attraverso la raccolta di fondi per realizzare attività culturali a favore dei bambini del vicino paese di Crevalcore.

L’evento prevede un programma che spazia dal repertorio operistico all’operetta e alle performance di danza frutto dei laboratori del progetto Cultures and Water Carriers realizzato dall’Associazione Settima Diminuita nell’ambito di un progetto di cooperazione Italia-Turchia finanziato dall’Unione Europea.

Saranno inoltre presentati i lavori dei Laboratori di Terra e Acqua tenuti  nei giorni precedenti il concerto che racconteranno la creatività del costruire il futuro con la creta, con i gesti e con l’immaginazione.

I nomi degli artisti e delle organizzazioni che hanno contribuito alla realizzazione dell’evento sono disponibili nel depliant.

Terre d’acqua / Terre in moto – 14 agosto 2012 – ore 21,00
Piazza V aprile – San Matteo della Decima (Bologna)

Un paese all’opera oltre il terremoto

In occasione di “Cultures and Water Carriers” una raccolta fondi a favore dei bambini coinvolti nel terremoto dell’Emilia

Venerdì 29 giugno alle 21,30  al Teatro Ambra alla Garbatella (piazza Giovanni da Triora 15) e sabato 30 alle 22,30 ad Approdo alla lettura  (pontile di Ostia Lido – piazza dei Ravennati) verrà  presentato al pubblico il lavoro di 30 giovani italiani e turchi – musicisti, danzatori, costumisti, scenografi, artisti multimediali – coinvolti nel progetto Cultures and Water Carriers. L’iniziativa – co-finanziata dall’Unione Europea e dalla Repubblica di Turchia  e organizzata per la parte italiana dall’associazione Settima Diminuita e per quella turca dall’associazione Artemis International Association of Arts and Culture – si pone l’obiettivo di creare scambi culturali e formativi prendendo come spunto il tema dell’acqua come elemento comune e terreno di incontro fra culture diverse.

Il promo preparato dagli artisti italiani:

Gli appuntamenti sono gratuiti. Il pubblico potrà dare un’offerta libera indirizzata a sostenere attività culturali per i bambini coinvolti nel terremoto dell’Emilia. L’associazione Settima Diminuita, che ha la sua sede a pochi chilometri dai paesi coinvolti dal terremoto, si farà carico di recapitare direttamente le donazioni.  Sarà anche possibile acquistare Il seme della senape, il libro-ricordo del lavoro svolto nell’arco di oltre un decennio nei laboratori didattico-artistici che hanno visto crescere i bambini attraverso l’opera lirica partecipando in prima persona alla realizzazione degli allestimenti di Un Paese all’Opera; un’iniziativa che ha coinvolto non solo i ragazzi ma l’intera comunità per mantenere viva una tradizione fortemente radicata nel territorio. Il terzo appuntamento del progetto Cultures and Water Carriers  si terrà il il 4 luglio a Istambul alle 21 in Piazza Ortakoy.

Clicca sull’immagine per sapere di più su Un Paese all’Opera:

Alcune immagini di Un Paese all’Opera:

Vivo successo per lo spettacolo dedicato a Cristina di Belgioioso

Al Teatro Comunale recentemente restaurato un evento promosso da Settimadiminuita con il patrocinio del Comune di San Giovanni in Persiceto

Da sempre luogo di storia e memoria, il Teatro Comunale di San Giovanni in Persiceto ha ospitato un omaggio a una protagonista del Risorgimento. Col titolo Nel salotto di Cristina di Belgioioso è andato in scena venerdì 4 maggio un racconto in flashback del periodo risorgimentale dedicato a colei che fu definita «primadonna d’Italia».

Cristina di Belgioioso fu una delle principali protagoniste del Risorgimento Italiano: donna dai mille volti, scrittrice, combattente e patriota insofferente all’oppressione straniera. Ricca, colta e stravagante, assolutamente all’avanguardia per i suoi tempi, fu donna di “una bellezza assetata di verità” come la definì l’amico e poeta tedesco Heinrich Heine. Sostenne anche finanziariamente i moti rivoluzionari di Milano e a Roma, chiamata da Giuseppe Mazzini, organizzò e coordinò gli ospedali da campo e l’assistenza medica ai combattenti. Pochi sanno che Goffredo Mameli spirò a Roma fra le braccia della nobile milanese accorsa nella città a sostenere la causa della Repubblica Romana del 1849.

La vita avventurosa della Principessa di Belgioioso è stata ripercorsa attraverso inni patriottici e musiche di celebri autori quali Rossini, Verdi, Bellini, Liszt e Schumann eseguite da Sonia Dorigo (soprano), Maurizio Leoni (baritono), Morena Malaguti (pianoforte) e inframmezzate da brani letti da Claudia CeliIl pubblico, accorso numeroso ha calorosamente partecipato alla serata unendosi al coro nell’Inno di Mameli e tributando ripetuti applausi agli artisti.

Un progetto Turchia-Unione Europea per giovani artisti

Il valore dell’acqua come bene mondiale sarà il tema di uno spettacolo a cui parteciperanno danzatori, musicisti, costumisti, videoartisti

Entro il 10 gennaio è possibile iscriversi alle selezioni per partecipare al progetto di scambio internazionale Italia/Francia/ Turchia intitolato Culture and Water Carriers e promosso dalla Associazione Settima Diminuita e dalla Turkish Professional Dancers Association – TPDA. Per il progetto – co-finanziato dall’Unione Europea e dalla Repubblica di Turchia – saranno selezionati, nel rispetto della parità di genere:

  • 7 ragazze e 8 ragazzi dall’Italia
  • 8 ragazze e 7 ragazzi dalla Turchia

I profili ricercati sono:

Profili ricercati in Italia Profili ricercati in Turchia
  • 6 danzatori/danzatrici
  • 5 musicisti
  • 2 costumisti
  • 2 video artisti
  • 6 danzatori/danzatrici
  • 5 musicisti
  • 2 costumisti
  • 2 video artisti

I requisiti di ammissione per tutti i profili sono:

  • Età: 20-25 anni per i ragazzi; 18-27 anni per le ragazze
  • Cittadinanza: paesi della UE o Turchia
  • Propensione a instaurare con facilità rapporti interpersonali
  • Attitudine alla vita e al lavoro di gruppo

I candidati devono essere studenti neodiplomati o diplomandi di una scuola di formazione professionale o di pari livello. In particolare per i danzatori/danzatrici  si richiede capacità di improvvisazione e composizione negli stili di danza moderna (Graham, Limon, Cunningham), contemporanea (release e floorwork -teatro danza, contact improvisation) e popolare. Sarà titolo di preferenza l’aver studiato più tecniche fra quelle indicate. I musicisti selezionati in Italia devono essere diplomati o diplomandi in canto o in uno di questi strumenti: fisarmonica/tastiere midi, sax contralto/clarinetto, violino, violoncello. Ogni musicista dovrà presentare attitudine all’improvvisazione e verrà data priorità a chi possiede nozioni di informatica musicale. I costumisti devono essere in grado di realizzare in concreto i loro disegni e possedere la capacità di sviluppare idee innovative utilizzando materiali di riciclo. I video artisti devono essere in grado di fare riprese e montaggio.

I partecipanti al progetto non riceveranno compensi. Saranno a carico dell’organizzazione vitto alloggio e viaggio nel periodo previsto nella nazione ospitante, il materiale necessario alla realizzazione degli spettacoli e i costi di assicurazione per i partecipanti. Le audizioni, previste dal 16 al 23 gennaio 2012, si terranno per l’Italia a Roma. Gli spettacoli saranno realizzati in Turchia indicativamente verso la fine di giugno e in Italia nelle prime settimane di luglio 2012. Informazioni complete sono disponibili sul bando di partecipazione e sul sito http://www.watercarriers.eu/.

Le richieste di informazioni e le domande per partecipare alle selezioni (da presentare entro il 10 gennaio 2012) possono essere inviate a: info@settimadiminuita.it

Musica e letture nel salotto di Cristina di Belgioioso

Vogliamo le donne felici ed onorate dei tempi a venire rivolgere il pensiero ai dolori ed alle umiliazioni delle donne che le precedettero nella vita, e ricordare con qualche gratitudine i nomi di quelle che loro apersero e prepararono la via alla non mai prima goduta, forse appena sognata, felicità!

In un salotto contemporaneo si ambienta il racconto della vita avventurosa della Principessa Cristina di Belgioioso, evocata dalle musiche di Rossini, Verdi, Bellini, Liszt e Schumann eseguite da Sonia Dorigo (soprano), Morena Malaguti (pianoforte) e inframmezzate da brani letti da Claudia Celi.

La principessa di Belgioioso fu una delle principali protagoniste del Risorgimento Italiano, donna dai mille volti, scrittrice, combattente e patriota insofferente all’oppressione straniera. Ricca, colta e stravagante, assolutamente all’avanguardia per i suoi tempi, fu donna di “una bellezza assetata di verità” come la definì l’amico e poeta tedesco Heinrich Heine.

Sostenne anche finanziariamente i moti rivoluzionari di Milano e a Roma, chiamata da Giuseppe Mazzini, organizzò e coordinò gli ospedali da campo e l’assistenza medica ai combattenti. Pochi sanno che Goffredo Mameli spirò a Roma fra le braccia della nobile milanese accorsa nella città a sostenere la causa della Repubblica Romana del 1849.

Lo spettacolo, organizzato dalla Associazione Settima Diminuita con il patrocinio del Comune di San Giovanni in Persiceto  si terrà Sabato 26 novembre 2011, ore 21,00 presso il Teatro Parrocchiale – San Matteo della Decima (San Giovanni in Persiceto, BO). Ingresso gratuito per bambini e ragazzi fino a 18 anni.

Info: 051-6824630

Scarica il depliant