Humor Bizzarro 2017: i saluti

Anche se qualcuno è già partito il divertimento continua con gli “English Pastimes”

Con qualche scatto dal saggio-spettacolo e dalla giornata conclusiva de L’Humor Bizzarro 2017 salutiamo e ringraziamo allievi, docenti, artisti ospiti, partner e collaboratori che hanno reso possibile questa bellissima edizione dedicata alla musica e alla danza inglese, in occasione del bicentenario di Jane Austen.

Arrivederci a settembre con le foto del workshop e il video dello spettacolo!

Andrea e Claudia

 

 

Per informazioni sul workshop, guarda il precedente post

Spettacolo conclusivo della XVI edizione de “L’Humor Bizzarro” al Teatro Belli

Maestri e allievi del workshop internazionale de Il Teatro della Memoria in scena il prossimo Sabato 5 Agosto

Trastevere_-_teatro_Belli
La XVI edizione del Workshop internazionale L’Humor Bizzarro – Intarsi di musica e danza antica si avvia alla conclusione e i numerosi corsisti, giunti da tutto il mondo, sono attualmente impegnati in un intenso lavoro presso la sede della storica Scuola Popolare di Musica di Testaccio sotto la guida di artisti attivi a livello internazionale. Per la danza: Claudia Celi (Danze fra ‘500 e ‘600), Ilaria Sainato (Danze e contraddanze in Inghilterra e Francia tra ‘600 e ’70, Gestualità retorica per i cantanti) e Paolo Di Segni (Danze di società di inizio ‘800); per la musica: Rosanna Rossoni (Canto rinascimentale e barocco), Marco Rosa Salva (Flauto dolce), Angela Paletta (Oboe barocco, Qi Gong), Paolo Tagliapietra (Accompagnatore al cembalo). Al fianco dei maestri, il prezioso lavoro di accompagnamento al canto e alla danza e la partecipazione alla musica d’insieme di Fabrizio Carta (tiorba e chitarra barocca) e di Nazarena Ottaiano (violoncello), che già corsista de L’Humor Bizzarro vi torna in qualità di artista ospite. 

Il tema del workshop di quest’anno è English pastimes, un fil rouge che attraversa le classi di canto, di strumento e di danza con particolare attenzione al periodo Regency, quale omaggio al bicentenario della scrittrice Jane Austen che ricorre quest’anno.

Come sempre nello spettacolo conclusivo i corsisti verranno affiancati dai docenti e dai maestri ospiti, ponendo particolare attenzione al rapporto fra musica e danza (sempre accompagnata dal vivo anche durante le lezioni) . 

Con l’occasione Claudia Celi e Andrea Toschi – direttori artistici de Il Teatro della Memoria – desiderano ringraziare tutti coloro che negli anni a vario titolo hanno dato il loro contributo alla realizzazione delle varie edizioni de L’Humor bizzarro.

Teatro Belli – p.za Sant’Apollonia 11 – Roma (rione Trastevere)
5 agosto 2017 – ore 18,30 – Ingresso libero
È necessaria la prenotazione al n.  320-0557319 entro le ore 12 del 5 agosto
e-mail:
info@teatrodellamemoria.org

Il Teatro Belli è, fra quelli attualmente attivi, uno dei più antichi teatri di Roma, noto anche per aver ospitato un discorso politico di Garibaldi agli elettori romani. Per una breve storia di questo spazio è possibile leggere la scheda sul sito del teatro.

 

locandina Saggio 2017

clicca sull’immagine per scaricare la locandina

Humor Bizzarro 2017: Angela Paletta – Baroque oboe and QiGong

Course program and teacher’s curriculum

The course is open to amateurs or professionals who wish to approach the baroque and classical repertory with the period instrument or with the modern one. The program will focus on performing and interpretative aspects and on reed building tecniques. Particular attention will be given to the study of respiration with specially aimed QiGong exercises. Individual and collective classes will aim to the study of the soloistic and chamber repertory of the period, both sacred and profane, possibly in conjunction with singing, dance or theatre classes. It’s possible to agree with the teacher on a special repertory proposed by the student. A limited number of study instruments, kindly supplied by the maker Alberto Ponchio (website http://www.anciuti.com), will be available for the class; students are therefore advised, if possible, to bring their own instrument.

A limited number of study instruments, kindly supplied by the maker Alberto Ponchio (see the Anciuti website), will be available for the class; students are nonetheless advised, if possible, to bring their own instrument. Oboi_Ponchio_2

ANGELA PALETTA,  after obtaining her diploma in Oboe at the  “A. Boito” Conservatory in Parma, has followed perfecting courses with I. Goritzki, P. Pollastri, P.W. Feit, P. Grazzi and A. Mion. She collaborates, playing both oboe and cor anglais, with several orchestras, among which Orchestra del Teatro Comunale di Bologna, Orchestra Sinfonica “G. Verdi” in Milan, Orchestra “Mozart” in Milan (where she also been in charge of the orchestra), Orchestra Filarmonica di Verona, Orchestra del Festival “T. Varga” at Sion (Switzerland), Orchestra Filarmonica di Torino, led by distinguished conductors and soloists such as H. Schiff, T. Varga, J. Horowitz, G. Cassone, Y. Kless. M. Rogliano, V. Sardelli. She took part in many chamber concerts with Trama Ensemble and with several ensembles in Italy and abroad. Since 2001 she collaborates as cor anglais and principal oboe with Orchestra Sinfonica di Adria and with Silver Symphony in Padova; since 2006 with Orchestra “G. Verdi” di Parma and Orchestra da Camera “F. Gonzaga” in Mantova. With the latter in May 2010 she has recorded the Concerto per oboe e archi by A. Marcello. She is also often active in the field of performance with period instruments, collaborating regularly with several early music groups among which Accademia di Musica Antica di Bazzano, Orchestra Barocca di Berna and with the “Il Teatro della Memoria” early music and dance company. She teaches Oboe at Scuola di Musica “Rinaldi” in Reggiolo and at Associazione Musicale ”Santa Cecilia” in Reggio Emilia.

Info about workshop costs and registration is available at this link.

Humor Bizzarro 2017: Paolo Di Segni, “Quadrilles at the time of Jane Austen”

Course program and teacher’s CV

“Quadrilles at the time of Jane Austen”
Early 19th century Social Dances

The course, open to students of any level, will focus on the technique and the steps of dances featuring in the balls described by Jane Austen, following the handbooks and treatises of the early 19th century.

Paolo Di Segniborn in Switzerland and introduced to music and rhythmics according to the Jaques Dalcroze method, has studied pianoforte and violoncello. Since 1976 he specialized in historical dancing under the guidance of such teachers as B. Sparti, F. Lancelot, S. Wynne. He has taken part in many concert tours in Italy and abroad with Early Dance ensembles such as Gruppo di Danza Rinascimentale di Roma, La Cortesia del Ballo, La Follia, Il Teatro della Memoria. Since many years he devotes himself to the reconstruction and popularization of 19th Century social dances, presenting them through performance, Ball openings or as Maitre de Cérémonie. He has curated TV programs on the Quadrille for TeleMontecarlo, taken part in Telethon ’97, ’98 and ’99, held seminars at Scuola di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma and in Catania for Balletto di Sicilia.

In Naples, in collaboration with Associazione Dimensione Polifonica, he has held courses and directed performances and events on the Renaissance and on the 19th century for Comune di Napoli, Provincia di Napoli and Regione Campania (Marzo DonnaMaggio dei Monumenti, Valzer in Villa). He has collaborated with the Orchestra del Teatro Petruzzelli di Bari conducted by J. Acs; in Rome he regularly  directs 19th century Balls in venues such as Palazzo Barberini, Palazzo Taverna, Hotel Quirinale, Borgo di Tragliata, Accademia Nazionale di Danza.

Info on the workshop costs and registration is available at this link.

Humor Bizzarro 2017: Claudia Celi – “We’ll measure them a measure” – Dances of the 16th-17th centuries

The program of the course and the teacher’s curriculum

“We’ll measure them a measure”
Dances of the 16th and 17th centuries

The course – aimed at dancers, actors and musicians – is open to students of any level and features the technical study of basic steps and of dance forms named in the works by William Shakespeare. As usual, the classes will be coordinated with the activities of the instrumental music and ensemble music courses in view of the realization of the students’ concert.

Info about registration and costs, with online contact form, is available at this link.

Claudia Celi after graduating in History of Theatre and Spectacle at Università di Roma – La Sapienza, specialized in early dance performance with internationally known teachers such as Barbara Sparti, Francine Lancelot, Shirley Wynne, and Angene Feves. Since 1982 she has taught History of Dance at the Accademia Nazionale di Danza in Rome; from 1991 to 1995 she was also deputy director of this institution. Currently she also teaches for the specialized degree in Spettacolo, moda e arti digitali at the Università di Roma – La Sapienza and has taught Dance History at the ballet school of the Teatro dell’Opera di Roma. In 2001 she was appointed by the Italian Education, University and Research Ministry as a member of the Working Group for Dance Education with the purpose of drafting the new charters of Italian Academies and Conservatories. She has presented communications at international conferences and has collaborated with research centers and universities. She contributed articles to specialized journals, such as ChorégraphieCairon (also as a member of the editorial board), La Danza Italiana and La Nuova Rivista Musicale Italiana. Among her publications are the chapters on italian XIX century ballet for Musica in Scena – Storia dello spettacolo musicale published by UTET and several entries for the International Encycolpedia of Dance, the Dictionnaire Larousse de la Danse and the Dizionario Biografico degli Italiani. Alongside the academic activity she has continued her performing activity in the field of historical dance, that she began in 1977 with the Gruppo di Danza Rinascimentale di Roma directed by Barbara Sparti; with this group, that in 1981 was awarded the “Jia Ruskaja” prize for dance didactics and culture, she has performed in many European festivals. Within her continued activity of popularization of historical dance she attended congresses in Italy and abroad, has been a member of competition panels, has taught courses and seminars for theatres, universities, conservatories and research centers such as Fondazione Teatro Massimo di Palermo (Officina-Laboratorio delle Arti e dei Mestieri del Palcoscenico), Scuola Internazionale dell’Attore Comico (Reggio Emilia), A.N.I.D. (Associazione Nazionale Insegnanti di Danza), Conservatorio A. Casella (L’Aquila), Centro Sperimentale di Cinematografia (Roma) and has been in charge of didactic events and performance of historical dancing for the Scuola di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma and for the Accademia Nazionale di Danza. At this latter institution she regularly teaches – from the academic year 2005/06 onwards – classes in Historical Dances.

Humor Bizzarro 2017: Paolo Di Segni, “Quadrilles at the time of Jane Austen” – Danze di Società dell’inizio del XIX secolo

Il programma del corso e il curriculum del docente

“Quadrilles at the time of Jane Austen”
Danze di Società dell’inizio del XIX secolo

Il programma del corso, aperto ad allievi di ogni livello, prevede lo studio della tecnica e dei passi in uso nei balli descritti da Jane Austen, seguendo le indicazioni dei trattati del primo Ottocento.

Paolo di Segni, nato in Svizzera nel 1960 ed avviato alla conoscenza della musica e della ritmica secondo il metodo Jaques Dalcroze, ha studiato pianoforte e violoncello. Si è specializzato in Danza storica a partire dal 1976 sotto la guida di docenti italiani e stranieri quali B. Sparti, F. Lancelot, S. Winne. Ha partecipato a numerose tournée in Italia ed allestero con insiemi di Danza Rinascimentale e Barocca quali Il Gruppo di Danza Rinascimentale, La Cortesia del Ballo, La Follia, Il Teatro della Memoria. Da molti anni si dedica alla ricerca, alla ricostruzione ed alla divulgazione delle danze di sala dell800 presentandole sotto forma di spettacoli, aperture di Balli o come Maitre de Cérémonie. Ha curato e partecipato a programmi sulla Quadriglia per Tele Montecarlo e RAI DUE, partecipato allapertura di Telethon 1997, 1998, 1999, ha tenuto lezioni presso la scuola del Teatro dellOpera di Roma, a Catania presso il Balletto di Sicilia.

A Napoli in collaborazione con lassociazione Dimensione Polifonica ha tenuto corsi, realizzato e diretto spettacoli ed eventi sul Rinascimento e sull800 per il comune di Napoli, Provincia di Napoli e Regione Campania (Marzo Donna, Maggio dei Monumenti, Valzer in Villa), ha collaborato con lorchestra del Teatro del Petruzzelli di Bari diretta da J. Acs e dirige regolarmente Balli ottocenteschi a Roma (Palazzo Barberini, Palazzo Taverna, Hotel Quirinale, Borgo di Tragliata, Accademia Nazionale di Danza).

Informazioni complete sui costi del corso e scheda d’iscrizione disponibili a questo link.

Humor Bizzarro 2017 – Ilaria Sainato: “Cupid’s Garden – Le Jardin de Cupidon” – Danze e contraddanze in Inghilterra e Francia tra Sei e Settecento e Seminario di Gestualità retorica

I programmi e il curriculum della docente


Cupid’s Garden – Le Jardin de Cupidon – Danze e contraddanze in Inghilterra e Francia tra Sei e Settecento
Il corso è rivolto a danzatori, musicisti e a chiunque abbia interesse a conoscere o approfondire la tecnica della danza barocca. Le lezioni, teorico-pratiche, prevedono riscaldamento e tecnica coreutica di base, studio delle coreografie (ricostruite principalmente dalla notazione Beauchamp–Feuillet), cenni sulla trattatistica coreutica coeva al repertorio studiato. Una parte delle lezioni sarà dedicata ad approfondire questioni riguardanti le fonti, la notazione, il repertorio coreografico. Durante lo studio delle coreografie, particolare attenzione sarà rivolta alla connessione e integrazione musica-danza e alle problematiche legate all’esecuzione della musica per danza. Durante il corso saranno indagate le corrispondenze, i prestiti e le influenze coreografiche e musicali tra Inghilterra e Francia attraverso lo studio delle coreografie di André Lorrin, Mr. Isaac e John Essex. Le coreografie da studiare verranno scelte dall’insegnante in base al livello e alle esigenze degli iscritti.

Seminario di Gestualità retorica
Il seminario si rivolge a cantanti, danzatori, attori, musicisti e a tutti coloro che si interessano al repertorio del teatro con musica dei secoli XVII-XVIII e offre agli allievi un ulteriore strumento di interpretazione di tale repertorio tramite l’approfondimento teorico-pratico delle caratteristiche del teatro barocco e del gesto retorico e di temi quali la prossemica teatrale, i ruoli, i caratteri e i personaggi tipici, la teoria degli affetti.

Ilaria Sainato si è laureata presso la Facoltà di Musicologia dell’Università degli studi di Pavia-Cremona, con una tesi in filologia sulla danza italiana del Quattrocento. Ha studiato danza rinascimentale e danza barocca con Veronique Daniels, Barbara Sparti, Deda Cristina Colonna, Ana Yepes. Insegna danza rinascimentale presso la Scuola di Musica Antica di Venezia e tiene corsi e seminari teorico-pratici presso scuole, istituzioni e associazioni italiane e straniere. Realizza spettacoli sulla danza d ei secoli XV-XVII in collaborazione con numerosi ensembles e compagnie, in particolare con La Girometta, si occupa della ricostruzione del repertorio di danza italiana del Quattrocento e Cinquecento dalle fonti trattatistiche e dalle loro concordanze musicali. Ha esteso la sua ricerca ai problemi di ricostruzione dello spettacolo teatrale con musica nei secoli XVII e XVIII, in particolare per quanto riguarda allestimento e gestualità, collaborando a diverse produzioni teatrali, tra le quali: Don Giovanni di W. A. Mozart, Il Ballo delle Ingrate di C. Monteverdi, La Fida Ninfa di A. Vivaldi, Atalanta Fugiens di M. Maier, Flavio Cuniberto di G. D. Partenio di cui ha curato la regia. E’ stata assistente alla regia per: Mulier Fortis di J. B. Staut, The Fairy Queen di E. Purcell e Così fan tutte di W. A. Mozart per la regia di Deda Cristina Colonna, Madama Butterfly e Turandot di G. Puccini, regia di Hiroki Ihara, Rigoletto di G. Verdi, regia di Ivan Stefanutti, Sonnambula di V.Bellini, regia di Stefano Vizioli. Collabora con As.Li.Co. – Teatro Sociale di Como come Direttore di palcoscenico.

Informazioni complete sui costi del corso e scheda d’iscrizione disponibili a questo link.