Al giro di boa Erasmus+ KA107 Italia Mali Palestina

Il progetto, finanziato dall’Unione Europea, vede la collaborazione fra importanti Istituzioni culturali dei tre paesi nel biennio 2016/18

Festival KN-lab 2017

Enrica Palmieri, Direttore dell’Accademia Nazionale di Danza, ci racconta la prima fase del progetto:

Festival KN-lab 2017 - programmaKN-lab 2017 è la nuova sigla del festival di danza di Bamako a cura dell’Association Donko Seko diretta da Kettly Noël. Dal 20 novembre al 3 dicembre si è articolato in residenze, seminari, workshop e spettacoli nella capitale del Mali, con la partecipazione di una delegazione di docenti (Danza contemporanea, Musica e Nuove Tecnologie) dell’Accademia Nazionale di Danza, capofila del progetto Erasmus+KA107 Italia Mali Palestina che comprende una mobilita di studenti e docenti incoming e outgoing dei tre paesi.

Iniziato nel 2016, il progetto è nel pieno del suo svolgimento; docenti delle diverse istituzioni partner si sono alternati in questi dodici mesi lavorando sulla formazione, sulla ricerca e sulla formazione artistica, intrecciando tradizioni e saperi diversi con l’intento di tessere un tessuto coreutico capace di filtrare e resistere, elastico quanto basta a contenere forme diverse in relazione.

Festival KN-lab 2017 pag. 3La squadra sul campo ha alternato lezioni, laboratori e performance tra l’Espace Donko Seko e il Conservatoire des Arts et Métiers Multimédia Balla Fasséké Kouyaté de Bamako, oltre a garantire una presenza anche negli spazi performativi disseminati nella città.

Dino Verga, Stefania Brugnolini, Morena Malaguti, Federico Di Maio, Anouscka Brodacz e Andrea Micaroni hanno saputo mischiare e offrire quel cocktail di pratiche e teorie che l’AND da ormai settant’anni produce ma al loro ritorno sapranno anche restituire tutto il senso e il valore appreso.

Enrica Palmieri

Clicca sull’immagine qui sotto per il depliant completo del Festival KN-lab 2017

Festival KN-lab 2017 - 5

Per maggiori informazioni sul progetto e sulle Istituzioni partecipanti vai a questo link 

“Varie Sorte De Balli da Sonare”: le foto

Scatti dal seminario di danza storica tenuto da Claudia Celi e dal concerto del Symphoniae ensemble al Conservatorio “Lorenzo Perosi” di Campobasso

Nelle foto, scattate da Andrea Toschi, alcune immagini degli appuntamenti del 31 Marzo e del 1° Aprile, ultime due giornate dell’evento “Settimana della musica antica e popolare”. La manifestazione è stata curata dal Gruppo di lavoro Musica antica e popolare del Conservatorio di Musica “Lorenzo Perosi” di Campobasso diretto dal Prof. Lelio Di Tullio: Luigia Berti, Andreina Di Girolamo, Silvio Di Rocco, Maurizio Marino, Stefano Morgione, Carlo Pelliccione; coordinamento Luigia Berti. Per il programma completo e la locandina, guarda il precedente post.

Settimana della musica antica e popolare a Campobasso

Al Conservatorio “Perosi” in programma un concerto e seminari di musica e danza

locandina seminari Campobasso Dal 28 Marzo al 1° Aprile prossimi il Conservatorio “Lorenzo Perosi” di Campobasso organizza una Settimana della musica antica e popolare con la partecipazione di esperti di varie discipline, dall’oboe barocco alla danza di corte italiana e francese dal XV al XVII secolo, dalla viola da gamba alla danza tradizionale dell’Italia meridionale.

Il programma dell’evento, coordinato dalla Prof.ssa Luigia Berti, prevede i seguenti appuntamenti:

  • Martedì 28 Marzo (orario 9.00-12.00 e 13.00-17.30) – Introduzione all’oboe barocco. Docente: Fabio D’Onofrio con la collaborazione di Andreina Di Girolamo (clavicembalo) e Carlo Pelliccione (contrabbasso)
  • Mercoledì 29 Marzo (orario 9.00-12.00 e 14.00-19.00)  Suoni e balli della tradizione dell’Italia meridionale. Docente: Franca Tarantino
  • Giovedì 30 Marzo (orario 15.00-18.00) La Viola da Gamba. Storia e repertorio. Docente: Roberto De Santis con la collaborazione di Andreina Di Girolamo (clavicembalo)
  • Venerdì 31 Marzo e Sabato 1 Aprile (orario 10.00-19.00)  – Varie Sorte De Balli da Sonare. Docente: Claudia Celi
    Venerdì: Danze di corte italiane fra ‘400 e ‘500
    Sabato: La Danza francese dell’epoca barocca
  • Venerdì 31 Marzo (ore 18.00) Symphoniae concerto con Christian Di Fiore (zampogna e organetto), Pasquale Franciosa (oboe e ciaramella), Francesco Loffredi (organetto) e Angelo Botticella (contrabbasso).

Per informazioni: info@conservatorioperosi.it – Tel.: 0874-80091

Dialoghi in danza fra le Accademie di Roma e Pechino e l’Università “La Sapienza”

Al Teatro Vascello di Roma Il cielo, la terra, il popolo di Lu Zheng e Churui Jiang

cielo_terra_popolo_vascello

Riportiamo il comunicato stampa di questa interessante manifestazione che va in scena il prossimo Sabato 10 Dicembre. E’ anche annunciata a seguire una “Post-Visione” – I coreografi in conversazione con il Prof. Vito Di Bernardi (Università di Roma “La Sapienza”). Per gli iscritti a questa pagina sono disponibili biglietti ridotti: comunicando il codice promozionale “LOTO” avranno la riduzione del 20% sul prezzo del biglietto direttamente in biglietteria, oppure tramite prenotazione al telefono del Teatro Vascello 06-5898031.

IL CIELO, LA TERRA, IL POPOLO
suggestioni coreografiche di Lu Zheng e Churui Jiang

Dall’idea di far dialogare sul palcoscenico due mondi, tecniche e linguaggi culturalmente differenziati, nasce “Il cielo, la terra, il popolo” di Lu Zheng e Churui Jiang, coreografi ed esperti di danza popolare cinese: uno spettacolo che debutta in prima nazionale a Roma, il 10 dicembre alle ore 21 presso il Teatro Vascello, grazie anche al patrocinio dell’Ambasciata della Repubblica Popolare Cinese – Ufficio Culturale.

Il titolo è un omaggio alla tradizione popolare orientale e richiama un antico detto: «Quando il cielo, la terra e il popolo sono collegati è il momento giusto per sfidare la fortuna». Lu Zheng e Churui Jiang hanno immaginato che queste parole prendessero vita nella danza come fonte di ispirazione, per una felice triangolazione di elementi culturalmente diversi, liberi di esistere in funzione di un linguaggio innovativo e interculturale.

Nutrendosi di una sapienza che è insieme storica, culturale e pratica, i due coreografi hanno così trasposto sul palcoscenico l’immagine di una danza ibrida, che attira la funzionalità evocata dal gesto simbolico di ispirazione quotidiana, tipico della danza popolare tradizionale, verso il disegno astratto e fluido delle forme contemporanee.

Duplice l’intento della loro operazione: da una parte, il desiderio di promuovere la cultura tradizionale cinese in Italia attraverso l’arte della danza; dall’altra, la volontà di portare in scena gli anni di studio alla Beijing Dance Academy – durante i quali i due artisti hanno interiorizzato la danza tradizionale e popolare cinese nelle sue varie espressioni etniche – e quelli all’Accademia Nazionale di Danza di Roma che coincidono con l’approssimarsi alla danza contemporanea di impronta occidentale che ha radicalmente influenzato il loro stile.

Emerge così una danza antica e moderna al tempo stesso, che in modo armonico, proprio come il momentum che tiene saldi insieme cielo, terra e popolo evocati nel proverbiale titolo, scivola dalla danza cinese alle forme occidentali, congiungendo i due linguaggi in una sola autentica e vitale espressione.

10 dicembre 2016 – ore 21 – Teatro Vascello – Roma, via Giacinto Carini, 78

Danzatori: Song Nailong, Zhang Siqi, Xie Jing, Li Shuanghua, Tan Lunyu, Yu Haoping, Federica Cucinotta, Silvia Bologna, Irene Maria Giorgi, Silvia Legato, Arianna Limina
e con Silvia Autorino, Daniele Sonia, Vittoria Guarracino, Mariangela Milano, Michela Tartaglia, Riccardo Venezia

Costumi: LiPing Chen

Foto: Andrea Mercanti; Luciano Onza

Produzione “Studio Arte e Cultura Orientale” con il patrocinio dell’Ambasciata della Repubblica Popolare Cinese – Ufficio Culturale

Ufficio stampa e comunicazione: Renata Savo; rensavo@gmail.com

Info e prenotazioni
Teatro Vascello: T. 06 5881021 promozione@teatrovascello.it

Studio Arte e Cultura Orientale

L’Associazione Studio Arte e Cultura Orientale è nata dall’intuizione di tre giovani coreografi cinesi, Zheng Lu, Jiang Churui e Song Nailong, laureati all’Accademia di Pechino, specializzati in Italia presso l’Accademia Nazionale di Roma con il massimo dei voti, e attualmente PhD students dell’Università “La Sapienza”. L’Associazione ha lo scopo di realizzare e promuovere spettacoli d’arte e progetti di danza, orientali e non, estendendo il suo raggio d’azione anche a corsi inerenti i diversi settori d’arte e cultura, e anche attraverso progetti di scambio culturale internazionali.

Particolarmente importante per l’associazione è la promozione e lo sviluppo delle nuove generazioni di danzatori e coreografi professionisti e, più in generale, della danza Italiana. Zheng Lu ha vinto svariati premi in Cina, partecipato alle coreografie delle cerimonie olimpiche di Pechino, e proposto spettacoli di successo sulla danza Yangge a Roma e a Pescara. Jiang Churui è danzatrice e coreografa vincitrice della competizione internazionale di danza di Singapore. Song Nailong, danzatore di straordinario talento, è vincitore del “Premio Roma Danza” organizzato dall’Accademia Nazionale di Danza di Roma.

“La Cina al Lido” con gli studenti AND

Domenica 13 Novembre, al Teatro del Lido di Ostia, danze tradizionali cinesi, studi coreografici originali e coreografie di artisti internazionali

Riportiamo qui di seguito il comunicato pubblicato sul sito web dell’AND:

OstiANDanza
In scena “La Cina al Lido”

Domenica 13 novembre al Teatro del Lido di Ostia, alle ore 18, l’Accademia Nazionale di Danza è impegnata con i suoi studenti del Corso di Coreografia al progetto OstiANDanza con “La Cina al Lido” regia di Enrica Palmieri, coreografie di Serge Aimé Coulibaly, Stian Danielsen, Lu Zhen, Churui Jian. Interpreti Yu Haoping, Tan Lun Yu, Xie Jingi, Li Shuangua, Zhang Si Qi, Sun Wei, Giusy Quattrone, Annarita Fadda, Alessandra Venuti, Silvia Legato, Delfina Stella, Silvia Bologna. Musiche di Ali Farka Touré, Aka Moon e autori vari.

In scena danze tradizionali, studi coreografici originali e coreografie di artisti internazionali. Danzatori cinesi perfezionatisi presso la Scuola di Coreografia dell’AND assieme a colleghi italiani, in un dialogo a conferma che l’identità è una costruzione continua che ha bisogno dell’altro per esistere.

L’ingresso è gratuito

Roma, 11 novembre 2016

Raffaella Tramontano
Press Office & Communication
mob +39 392 8860966 / 338 8312413
mail raffaella.tramontano@gmail.com

 

Domenica 13 Novembre 2016 – ore 18,00 – ingresso libero
Teatro del Lido – Via delle Sirene, 22 – Lido di Ostia
Guarda la posizione su Google Maps

Borse di studio per la masterclass con Shobana Jeyasingh

Alla Fondazione Cini Dal bharata natyam alle tecniche della danza contemporanea

shobana

Continuando un percorso di ricerca già iniziato con Carolyn Carlson nel 2009, l’Istituto Interculturale di Studi Musicali Comparati della Fondazione Giorgio Cini ha appena annunciato un nuovo progetto curato da Vito Di Bernardi  e dedicato all’esplorazione dei nuovi linguaggi e contaminazioni tra le pratiche della danza tradizionale extra-europea e la danza contemporanea occidentale. È già disponibile il bando per selezionare 20 danzatori professionisti o semi-professionisti (è richiesto il requisito di almeno due anni di esperienza in una compagnia di danza) che parteciperanno con la danzatrice e coreografa anglo-indiana Shobana Jeyasingh a una masterclass nei giorni 4-5 novembre 2015 presso la prestigiosa sede della Fondazione nell’Isola di San Giorgio Maggiore a Venezia.

Le domande di ammissione (da presentare entro il 15 settembre 2015 seguendo le indicazioni contenute nel bando ufficiale) verranno selezionate dal Prof. Vito Di Bernardi – docente di Storia della danza all’Università di Roma “La Sapienza” – e dal Prof. Giovanni Giuriati – docente di Etnomusicologia all’Università di Roma “La Sapienza” e direttore dell’Istituto Interculturale di Studi Musicali Comparati – di concerto con la docente della masterclass. Ai primi dieci candidati selezionati sarà offerta una borsa di studio che comprende la quota d’iscrizione e le spese di vitto (colazione e pranzo) e alloggio presso la Residenza del Centro Internazionale di Studi Vittore Branca (una camera singola per un massimo di tre notti). Ad altri dieci candidati saranno offerti l’iscrizione gratuita, i pranzi e la possibilità di alloggiare ad un costo agevolato presso il Centro Vittore Branca.

Per informazioni: Istituto Interculturale di Studi Musicali Comparati – Fondazione Giorgio Cini onlus Isola di San Giorgio Maggiore – 30124 Venezia – Italia – T. 39 041 2710357 – Fax +39 0412710221 musica.comparata@cini.itwww.cini.it

Danze da un’isola dove il passato è vivo e presente

Alla scuola di danza Choros stage di danze tradizionali di Karpathos con Marigula Kritsioti

Per iniziativa di Anna Cirigliano, la scuola di danza Choros di Acilia (Roma) presenterà sabato 15 e domenica 16 dicembre uno stage dedicato alla danza tradizionale dell’isola di Karpathos. Già citata da Omero nell’Iliade, Karpathos fa parte del Dodecanneso e ha seguito nel tempo le varie vicissitudini di questo arcipelago: prima sotto il dominio degli imperatori di Bisanzio, successivamente dei Cavalieri di Rodi, dei Veneziani col nome di Scarpanto, poi dei Turchi. Dal 1912 alla II Guerra Mondiale l’isola fu amministrata dall’Italia; nel 1848 divenne definitivamente parte della Grecia.

Tuttora vive e praticate sono la musica di tradizione orale e la danza che – specialmente in occasione delle più importanti feste religiose – viene eseguita con l’abbigliamento tradizionale. In questa occasione lo stage sarà tenuto dalla studiosa specializzata Marigula Kritsioti, originaria di Karpathos e molto attiva per diffondere in tutto il mondo con pubblicazioni e seminari la cultura della sua isola. Durante lo stage sarà presentata una mostra fotografica.

Orari:

  • Sabato 15 dicembre 16,30-19,30
  • Domenica 16 dicembre 10,00-13,00 e 15,00-17,00

Scuola di danza Choros – via Padre Massaruti 194 – 00125 Acilia – Roma
Telefono 347 0826272 / 06 5215276
annacirigliano@virgilio.it
pagina webwww.annacirigliano.it

Sconto per gli iscritti al CID, a CHOROS e alla Fan Page de Il Teatro della Memoria