“E impugna l’un e l’altro il ferro acuto”

Foto da Il Combattimento di Tancredi e Clorinda con Furio Zanasi e L’Architasto
 

Foto di Andrea Toschi – © ilteatrodellamemoria.com

Proseguono a Roma gli spettacoli del XIII festival internazionale de L’Architasto sul palcoscenico dello storico Teatro Torlonia (costruito fra il 1841 e il 1871 all’interno dell’omonima villa e riaperto dopo il restauro nel 2013). Nei giorni 23 e 24 Ottobre scorsi l’Ensemble Barocco del Festival (per il cast completo vai al precedente post) ha presentato un programma di musiche del Seicento italiano. In apertura, dopo l’introduzione al concert da parte di Francesco Maschio, la Sonata Decima Sesta à 4 per stromenti d’arco dalle Sonate concertate in stil moderno (Venezia 1629) di Dario Castello. A seguire il Capriccio stravagante (Dresda 1626) di Carlo Farina e Durezze e Ligature da Ricercate, canzone francese, capricci, canti fermi, gagliarde, partite diverse, toccate, durezze e ligature, e un madrigale passagiato nel fine (Napoli 1603) di Giovanni Maria Trabaci.

La seconda parte del programma ha visto l’intervento dei solisti di canto (Furio Zanasi – Il Testo; Giorgia Bruno – Clorinda; Leonardo Malara – Tancredi) per l’esecuzione del famosissimo madrigale rappresentativo Il Combattimento di Tancredi e Clorinda composto nel 1624 da Claudio Monteverdi e pubblicato nel 1638 nell’Ottavo libro di madrigali guerrieri et amorosi.

Condividi su / Share on

Se vuoi, mandaci un commento:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.