Lo splendore degli ottoni

Il Roma Brass Quintet al Gonfalone in un programma che spazia dal Cinquecento al Novecento

rbqcorcianoscarica

Si aprirà con la fulgida Toccata dall’Orfeo di Claudio Monteverdi il concerto Dal Rinascimento al jazz con il Roma Brass Quintet il prossimo giovedì all’Oratorio del Gonfalone, per continuare con musiche di Giovanni Pierluigi da Palestrina, Giovanni Gabrieli, Johann Sebastian Bach, Wolfgang Amadeus Mozart, Giuseppe Verdi e George Bizet. L’ensemble, che nasce dall’incontro di solisti provenienti dalle maggiori orchestre e istituzioni (Ermanno Ottaviani, Massimo Bartoletti trombe, Marco Venturi corno, Maurizio Persia trombone, Augusto Mentuccia tuba), darà prova della sua versatilità – ben nota al pubblico romano –  presentando nella seconda parte del programma un repertorio di musiche del Novecento di autori quali Luciano Berio e David Short a fianco di George Gershwin, William C. Handy e brani del jazz tradizionale.

Giovedì 17 Gennaio 2013 – ore 21.00
Oratorio del Gonfalone – via del Gonfalone 32/A – Roma
tel. & fax: 06.6875952 (lun.-ven.ore 9:30-17)
info@oratoriogonfalone.com – www.oratoriogonfalone.com

Per questo, come per altri dei concerti di musica antica della stagione del Gonfalone, saranno disponibili dei biglietti scontati per gli iscritti al Blog e alla Pagina Facebook de Il Teatro della Memoria. Per ricevere il coupon da presentare al botteghino potete scriverci a questo indirizzo: info@teatrodellamemoria.org.

Lasciate il vostro commento / Leave a reply

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: