“Lo Specchio d’Amore” nelle foto di Gaetano Pastore

Il nostro spettacolo del 5 Maggio a Viterbo all’interno della XIII Stagione concertistica pubblica dell’Università della Tuscia

Foto di Gaetano Pastore

Ensemble di musica antica e danza storica de “Il Teatro della Memoria”:

  • Danzatori: Francesco Bocchi, Simona Buompadre, Fiorella Cardinale Ciccotti, Claudia Celi, Paolo Di Segni.
  • Musicisti: Nando Citarella ( canto, chitarra battente, percussioni), Carolina Pace (flauto dolce), Angela Paletta (bombarda), Rosanna Rossoni (canto), Francesco Tomasi (liuto, chitarra barocca), Andrea Toschi (fagotto corista, flauto dolce)

Per i credits completi vai al precedente post.

Il prossimo spettacolo del nostro ensemble sarà il 25 Maggio 2018 al Teatro Cyrano di Roma. Vedi le info a questo link.

Il Teatro della Memoria in “Lo Specchio d’Amore” per la XIII stagione concertistica dell’Università della Tuscia

Il 5 Maggio a Viterbo, presso l’Auditorium di S. Maria in Gradi, uno spettacolo di musiche, canti e danze fra Cinquecento e Seicento

Spettacolo S. Maria in Gradi Viterbo

logo UNITUS
logo Carivit

XIII Stagione concertistica pubblica
Anno Accademico 2017-2018
Auditorium di S. Maria in Gradi
Via Sabotino, 20, 01100 Viterbo

Fondatore e Direttore artistico: Franco Carlo Ricci
 Sabato 5 maggio 2018, ore 18
Spettacolo realizzato in collaborazione con

Il Teatro della Memoria

Lo Specchio d’Amore

Musiche, canti e danze fra Cinquecento e Seicento

A un ideale convito ove la cultura aulica si colora di elementi popolari e le schermaglie d’amore s’intrecciano ai temi della festa e ai canti del bere, Dame e Cavalieri si dilettano nella danza e, come in un gioco di specchi, si riflettono nei personaggi dell’Ariosto.

Il programma propone coreografie ricostruite sulla base dei manuali redatti dai maestri di ballo del tempo. Le musiche, frutto di un’accurata ricerca sulle fonti originali, vengono eseguite su copie fedeli di strumenti d’epoca. I danzatori e i musicisti affiancano da molti anni all’attività spettacolare, svolta in Italia e all’estero, un’intensa opera di divulgazione.

Musiche di: Cosimo Bottegari, Vincenzio Calestani, Giandomenico del Giovane da Nola, Andrea Falconieri Girolamo Frescobaldi, Giovanni Giacomo Gastoldi, Giovanni Girolamo Kapsberger, Biagio Marini, Diego Ortiz, Salomone Rossi

Brani coreografici dai trattati di: Thoinot Arbeau, Fabrizio Caroso e Cesare Negri

Ensemble di musica antica e danza storica de “Il Teatro della Memoria”:

  • Danzatori: Francesco Bocchi, Simona Buompadre, Fiorella Cardinale Ciccotti, Claudia Celi, Paolo Di Segni.
  • Musicisti: Nando Citarella ( canto, chitarra battente, percussioni), Carolina Pace (flauto dolce), Angela Paletta (bombarda), Rosanna Rossoni (canto), Francesco Tomasi (liuto, chitarra barocca), Andrea Toschi (fagotto corista, flauto dolce)

Coordinamento: Claudia Celi e Andrea Toschi

Adattamento delle scene dall’Orlando Furioso a cura di: Ondadurto Teatro

Oggetti di scena a cura di: In Situ

Auditorium di S. Maria in Gradi – Via Sabotino, 20 – Viterbo – ampio parcheggio
Sabato 5 maggio 2018, ore 18 – Infotel: 0761.357.937; 348.793.1782. E-mail: delrosa@unitus.it

Informazioni per arrivare all’Auditorium

Venendo da Roma si entra a Viterbo per la Via Cassia (SR2) e di fronte alla Porta Romana si gira stretto a destra su via Santa Maria in Gradi, poi a sinistra su via Sabotino. Sulla sinistra c’è un cancello con l’entrata al parcheggio. Se venite da altre località potete trovare il percorso con Google Maps qui sotto.

Canto, percussioni e clavicembalo al Quirinetta

Per Il Classico del Martedì un recital di Nando Citarella con Valeria Tarsetti

Citarella_Tarsetti
Prosegue al Quirinetta di Roma la rassegna Il Classico del Martedì curata da Valeria Tarsetti, che nel prossimo concerto apparirà anche in veste di clavicembalista a fianco del versatile cantante e percussionista Nando Citarella. Il programma, che spazia dal Rinascimento al primo Novecento, esplora l’universo della canzonetta d’amore e della serenata fra musica della tradizione e composizioni di autori quali Paisiello, Mozart, Caldara e Giuliani.

Martedì 23 Febbraio 2016 –  ore 21,00
info: 06 69925616 – info@quirinetta.com – pagina web: www.quirinetta.com

Clicca sull’immagine qui sotto per scaricare il programma della rassegna

Depliant Il classico del martedi OK.indd

Ai confini fra barocco e classico

Per la rassegna Il Classico del Martedì Christoph Timpe e Valeria Tarsetti presentano musiche di Geminiani, Leclair, Duphly e Abbè le Fils

clicca per scaricare la locandina della rassegna

Continuano al Quirinetta di Roma – nato come Caffé Concerto negli anni ’20 del Novecento e tornato da poco tempo allo spirito delle origini con una nuova iniziativa di Viteculture – gli appuntamenti de Il Classico del Martedì, una rassegna che spazia dalla musica rinascimentale agli stili del Novecento e al Jazz. Molti gli artisti che appaiono in questa edizione curata da Valeria Tarsetti, che salirà sul palco anche in veste di accompagnatore al clavicembalo in tre serate, la prima delle quali sarà il prossimo martedì 9 Febbraio con il violinista Christoph Timpe in un interessante programma dedicato alle musiche di Geminiani, Leclair, Duphly e Abbè le Fils, tipici della generazione di compositori  nati tra la fine del Seicento e gli anni ’20 del Settecento difficilmente inquadrabili nelle categorie storiografiche del «barocco» o del «classico». La rassegna prosegue il 16 Febbraio con Toccate e Balli per Arpa sola – eseguito da Mara Galassi su un’arpa a tre ordini – e il 23 Febbraio con il cantante e percussionista Nando Citarella assieme a Valeria Tarsetti in un recital di arie che spaziano dal Cinquecento al Settecento.

Martedì 9 Febbraio 2016 –  ore 21,00
info: 06 69925616 – info@quirinetta.com – pagina web www.quirinetta.com

Il racconto per immagini di un viaggio astrale

Le foto di Notturno Kircheriano all’Osservatorio Astronomico di Teramo

Servizio fotografico di Marco Mancini

La notte fra il 20 e il 21 giugno l’Osservatorio Astronomico Collurania ha presentato Notturno Kircheriano, drammatizzazione realizzata dalla compagnia Il Teatro della Memoria del racconto Itinerarium Estaticum del Gesuita Athanasius Kircher: un viaggio all’esplorazione dell’Universo conosciuto nel XVII secolo, dalla Luna al Cielo delle Stelle Fisse passando per i pianeti, sotto la guida di un angelo.

Preceduto dall’illustrazione della figura di Kircher da parte del Direttore dell’Osservatorio Prof. Roberto Buonanno, Il viaggio immaginato da Kircher è stato rappresentato in forma itinerante negli spazi dell’Osservatorio di Teramo, con l’accompagnamento di musiche dell’epoca, fondendo insieme recitazione, brani danzati e scene della commedia dell’arte. L’iniziativa si è svolta nell’ambito della manifestazione nazionale “Occhi su Saturno”, il cui scopo è quello di far conoscere e celebrare il pianeta più bello del sistema solare.

Credits

Ideazione e coordinamento: Claudia Celi e Andrea Toschi
Attori: Marco Paciotti, Lorenzo Pasquali
Danzatori: Claudia Celi, Paolo Di Segni, Maria Cristina Esposito, Daniel Lapenna, Silvia Pinna
Musicisti: Serena Bellini (flauto dolce, cornetto), Nando Citarella (voce, chitarra battente), Mauro Morini (trombone) Federico Occhiodoro (percussioni), Angela Paletta (bombarda), Andrea Toschi (fagotto corista, flauto dolce)
Guida sensoriale: Maria Costantini
Elementi scenografici e oggetti di scena: Umberto Giovannini
Istallazione audiovisiva: sonoro a cura di Giovanna Natalini; montaggio immagini a cura di Giangiacomo De Stefano e Massimiliano Valli

Un viaggio astrale per la Notte di Mezza Estate

Sabato prossimo Notturno Kircheriano all’Osservatorio Astronomico di Teramo

OACTe

La notte fra il 20 e il 21 giugno, solstizio d’Estate, l’Osservatorio Astronomico Collurania presenterà Notturno Kircheriano, drammatizzazione realizzata dalla compagnia Il Teatro della Memoria dell’Itinerarium Estaticum del Gesuita Athanasius Kircher: un viaggio all’esplorazione dell’Universo conosciuto nel XVII secolo, dalla Luna al Cielo delle Stelle Fisse passando per i pianeti, sotto la guida di un angelo.

Il viaggio culturale di Kircher verra’ rappresentato in forma itinerante negli spazi dell’Osservatorio di Teramo, con l’accompagnamento di musiche dell’epoca, fondendo insieme recitazione, brani danzati e scene della commedia dell’arte.

A conclusione di ciascuna rappresentazione, i partecipanti potranno osservare Saturno con i telescopi messi a disposizione dall’INAF-Osservatorio Astronomico di Teramo diretto dal Prof. Roberto Buonanno. Tale iniziativa si colloca nell’ambito della manifestazione nazionale “Occhi su Saturno”, il cui scopo è quello di far conoscere e celebrare il pianeta più bello del sistema solare.

L’appuntamento è per sabato 20 giugno, a partire dalle ore 21:00 (primo turno ore 21:00, secondo turno ore 22:00). Lo spettacolo si svolge all’aperto, è itinerante e non sono previsti posti a sedere.

Per poter partecipare allo spettacolo, che è gratuito, è obbligatorio prenotarsi chiamando telefonicamente il numero 0861 439711.

Credits

Ideazione e coordinamento: Claudia Celi e Andrea Toschi
Attori: Marco Paciotti, Lorenzo Pasquali
Danzatori: Claudia Celi, Paolo Di Segni, Maria Cristina Esposito, Daniel Lapenna, Silvia Pinna
Musicisti: Serena Bellini (flauto dolce, cornetto), Nando Citarella (voce, chitarra battente), Mauro Morini (trombone) Federico Occhiodoro (percussioni), Angela Paletta (bombarda), Andrea Toschi (fagotto corista, flauto dolce)
Guida sensoriale: Maria Costantini
Elementi scenografici e oggetti di scena: Umberto Giovannini
Istallazione audiovisiva: sonoro a cura di Giovanna Natalini; montaggio immagini a cura di Giangiacomo De Stefano e Massimiliano Valli

Osservatorio Astronomico Collurania
via Mentore Maggini – Teramo –
 
Istruzioni per arrivare

Racconti e musiche per Carlo Ciasca

Sabato 21 la Scuola Popolare di Musica di Testaccio ricorda uno dei suoi fondatori

Carlo_Ciasca_Rio_rid

Carlo Ciasca a Rio nel 1990. Particolare dall’album Madueira, segnalatoci da Paolo Modugno

 

È con particolare commozione che riportiamo il comunicato della serata dedicata a Carlo Ciasca, musicista, etnomusicologo, ricercatore ed insegnante – e per noi soprattutto amico fraterno e testimone di nozze – invitando chi volesse ad unirsi ad amici e familiari per ricordarlo fra l’affetto e il sorriso.

Andrea e Claudia

Serata musicale dedicata a Carlo Ciasca

Sabato 21 marzo
Sala Concerti ore 21

La Scuola ospita una serata musicale dedicata a Carlo Ciasca.
Per chi lo ha conosciuto e lo vuole ricordare ad un mese dalla prematura scomparsa.

Musicista, etnomusicologo, ricercatore ed insegnante è stato nel 1976 tra i fondatori della Scuola Popolare di Musica di Testaccio dove ha insegnato chitarra classica ed è stato responsabile del settore chitarra.
La sua attività concertistica, con chitarra classica e chitarra battente, si è svolta nel campo della musica colta classica e contemporanea, in quello della musica popolare italiana e in seguito nel flamenco.
Conosciuto a livello mondiale per le sue ricerche sulla chitarra battente è stato pubblicista ed infaticabile conferenziere, consulente esperto di strumenti a corde e collaboratore di università ed istituti di ricerca.

Con un sorriso, qualche racconto e tanta musica, gli amici e i familiari vogliono ricordare la sua presenza.

Con Massimo Nardi, Nando Citarella, Giovanni Guaccero, Ambrogio Sparagna, Annarita Colaianni, Nicola Stilo, Nicola Puglielli, Lillo Quarantino, Piero Brega, Stefano Pogelli, Olivia Zaccagnini, Davide Cervellino, Andrea Toschi…

Ingresso libero

Una biografia
Un ricordo di Emilio Radice

Sabato 21 marzo 2015 – ore 21,00
Scuola Popolare di Musica di Testaccio
Piazza Giustiniani 4/a – Roma

 

“Tamburi del Vesuvio” compie 20 anni

Tamburi del Vesuvio 2015

Al Parco della Musica Terra ‘e Motus 20th – Canti antichi e nuove contaminazioni con Nando Citarella e tanti ospiti

Riceviamo e con piacere pubblichiamo il comunicato ufficiale:

Helikonia e Fondazione Musica per Roma presentano:
Nando Citarella & Tamburi del Vesuvio
“Terra ‘e Motus 20th – Canti antichi e nuove contaminazioni”

Concerto/festa del ventennale

Nel vulcano Vesuvio pulsano i ritmi che da sempre accompagnano i canti e i balli tradizionali dell’area campana e di tutta l’Italia centro-meridionale. Ma questa terra fertile ha accolto anche il battito ritmico di tutte quelle genti che, da altri luoghi, attraversando il Mare Nostrum, sono approdati quaggiù. Così, in questa “Terra ‘e motus”, il Vesuvio è il “grande tamburo” che scandisce tempo e ritmo in un continuo motus cum voci e danze.

Il progetto Tamburi del Vesuvio nasce 20 anni fa. La volontà, il desiderio e l’intento di Nando Citarella (ideatore e fondatore del gruppo) sono proprio quelli di dare voce alle contaminazioni etnico-culturali che la realtà sociale italiana stava cominciando ad esprimere. Nel corso di questi anni, dal continuo apporto dato dalla collaborazione di artisti provenienti dalle realtà etniche più varie e dalla direzione di Nando Citarella, è nato un linguaggio proprio, una peculiarità espressiva che rende la musica dei Tamburi del Vesuvio antica e moderna al tempo stesso, in un perpetuo rigenerante viaggio senza tempo.

Tamburi del Vesuvio 2015

Nando Citarella, Gabriella Aiello, Valerio Perla, Carlo “Olaf” Cossu, Pietro Cernuto, Claudio Monteleoni, Pietro Pisano, Raffaella Coppola, Nathalie Leclerc

Featuring

Badù ‘Ndiaje, Massimo Carrano, Giovanni Imparato, Arnaldo Vacca, Umberto Vitiello, Raniero Bassano, Andrea Caroselli, Ernesto ‘o duttore, Roberto Giummarra, Gabriele Gagliarini, Simone Pulvano, Jacopo Mohammed, Paolo Cimmino, Stefano Fraschetti, U Papadia, Micaela Bernardini, Paolo Modugno, Maurizio Trippitelli, Valerio Perla, Jack Tama, Ruggero Artali, Giovanni Lo Cascio, Pejman Tadayon, Stefano Saletti, Mauro Palmas, Max Ventricini, Pasquale Migliaccio, Alessandro D’Alessandro, Mario Pio Mancini, Les Cymbalus

Sabato 21 Febbraio 2015 – ore 21,00
Auditorium Parco della Musica – Roma, viale Pietro de Coubertin, 30

Per gli iscritti a questo blog alla Pagina Facebook de Il Teatro della Memoria sono disponibili biglietti scontati a €10,50 invece che €15,00. Per avere lo sconto chiedeteci il coupon a questa e-mail oppure prenotate (indicando il numero di partecipanti) a questo indirizzo: helikonia@tiscali.it

A Frascati “Liuteria in Concerto”

Il Museo Tuscolano presso le Scuderie Aldobrandini ospita una mostra di strumenti dal primo ‘800 al ‘900, concerti e conferenze

???????????????????????? Organizzato dall’Associazione Rosso Rossini e da La Paranza in collaborazione con il Comune di Frascati, prende il via il prossimo 31 gennaio un intenso fine settimana dedicato alla liuteria storica con la direzione artistica di Francesco Taranto e Nando Citarella. Alle ore 12 di sabato 31 gennaio verrà inaugurata la mostra di strumenti Storici “Dal primo ‘800 al ‘900” con l’ascolto di alcuni degli strumenti esposti. Nel pomeriggio alle 16 verrà presentato il libro Johann Sebastian Bach. Le opere per liuto – Analisi di Giovanni Scaramuzza Fabi, con esempi musicali eseguiti al Liuto da parte di Mario D’Agosto. Alle ore 18 seguirà il concerto La Chitarra nei Secoli. Domenica 1 febbraio la manifestazione si concluderà con il concerto La Liuteria Moderna programmato per le ore 18.

Per informazioni:

Museo Tuscolano di Frascati
Scuderie Aldobrandini
Piazza Guglielmo Marconi,6 – 00044 Frascati (RM)
31 gennaio – 1 febbraio 2015 dalle h.10,00 alle h.19,00

Immagini da una Roma del Rinascimento

Il servizio fotografico di Marco Mancini sullo spettacolo “Se le donne portassero la spada” all’Oratorio del Gonfalone

Un posto meraviglioso strappato alla storia.
Quattro musicisti, quattro danzatori, due attori e due cantanti.
L’ironia e la leggerezza di una rappresentazione antica ma resa attuale dagli accenti moderni, e la sensazione di essere accompagnato in un viaggio nel tempo a scoprire le feste e i divertimenti dell’epoca…

Marco Mancini

Credits

  • Ideazione e coordinamento: Claudia Celi e Andrea Toschi
  • Attori: Marco Paciotti, Lorenzo Pasquali
  • Danzatori: Francesco Bocchi, Simona Buompadre, Claudia Celi, Paolo Di Segni
  • Musicisti: Angela Bucci (canto), Nando Citarella (canto, chitarra battente, percussioni), Luigino Leonardi (trombone), Carolina Pace (flauto dolce), Angela Paletta (bombarda), Andrea Toschi (fagotto corista, flauto dolce).

Abbiamo voluto dedicare lo spettacolo a Francesco “Moby Dick” Di Giacomo di cui quel 27 febbraio 2014 si era svolto il funerale