Humor Bizzarro 2017: Claudia Celi – “We’ll measure them a measure” – Danze dei secoli XVI-XVII

Il programma del corso e il curriculum della docente

“We’ll measure them a measure”
Danze dei secoli XVI-XVII

Il corso – rivolto a danzatori, attori e musicisti – è aperto ad allievi di tutti i livelli e prevede lo studio tecnico dei passi base e l’apprendimento di forme di danza citate nelle opere di William Shakespeare. Come consueto, le lezioni verranno coordinate con il lavoro delle classi di strumento per la realizzazione del saggio-spettacolo.

Claudia Celi danzatrice, laureata all’Università di Roma – La Sapienza in Storia del Teatro e dello Spettacolo con una tesi sulla danza aulica italiana nel Rinascimento, si è specializzata in danze storiche con maestri di fama internazionale quali Barbara Sparti, Francine Lancelot, Shirley Wynne e Angene Feves. Dal 1982 è docente di Storia della Danza presso l’Accademia Nazionale di Danza, di cui è stata vice-direttrice dal 1991 al 1995. Attualmente è anche docente presso l’Università di Roma – La Sapienza per il corso di Laurea magistrale in Spettacolo, moda e arti digitali. Ha tenuto corsi regolari di Storia della Danza presso la Scuola di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma.  Nel 2001 è stata nominata dal Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca, quale componente del Gruppo di lavoro relativo all’area della Danza per l’elaborazione dei nuovi ordinamenti didattici delle Accademie dei Conservatori. Ha partecipato a convegni in Italia e all’estero e collaborato con centri di ricerca ed Università. Pubblica su riviste specializzate fra cui Chorégraphie e Cairon (anche in qualità di redattrice), La Danza Italiana e La Nuova Rivista Musicale Italiana. Fra le sue pubblicazioni, i capitoli sul balletto in Italia nell’Ottocento per Musica in Scena – Storia dello spettacolo musicale edita dalla UTET e numerose voci per la International Encyclopedia of Dance, il Dictionnaire Larousse de la Danse e il Dizionario Biografico degli Italiani. Parallelamente alla attività accademica, continua l’attività artistica nel campo delle danze storiche, iniziata nel 1977 con il Gruppo di Danza Rinascimentale di Roma, diretto da Barbara Sparti, gruppo che nel 1981 è stato insignito del Premio “Jia Ruskaja” per la didattica e la cultura coreica. Con questo ed altri gruppi ha preso parte a rassegne e festival italiani e internazionali. Nell’ambito di una continuativa attività di divulgazione della danza storica ha partecipato a convegni in Italia e all’estero, fatto parte di giurie di concorsi e tenuto corsi e seminari di danza antica per teatri, università, conservatori e centri di ricerca, quali la Fondazione Teatro Massimo di Palermo (Officina-Laboratorio delle Arti e dei Mestieri del Palcoscenico), la Scuola Internazionale dell’Attore Comico (Reggio Emilia), l’A.N.I.D. (Associazione Nazionale Insegnanti di Danza), il Conservatorio A. Casella (L’Aquila), il Centro Sperimentale di Cinematografia (Roma) ed ha curato manifestazioni didattiche e saggi-spettacolo di danze storiche per la Scuola di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma e per l’Accademia Nazionale di Danza, presso la quale tiene regolarmente dall’anno accademico 2005/06 gli insegnamenti di Danze Storiche.

Informazioni complete sui costi del corso e scheda d’iscrizione disponibili a questo link.

Raggi di Luna sull’Aventino

Le foto della presentazione del libro di Emanuele Burrafato Luciana Savignano. L’eleganza interiore all’Accademia Nazionale di Danza

Foto di Andrea Toschi – © Il Teatro della Memoria

Immagini dalla presentazione del libro di Emanuele Burrafato Luciana Savignano. L’eleganza interiore, avvenuta lo scorso Sabato 20 Maggio presso l’Accademia Nazionale di Danza per la rassegna Librindanza 2017, con interventi di Luciana Savignano, Alberto Testa e Claudia Celi e alla presenza dell’autore. Al termine della presentazione si sono svolte performance di allievi dell’AND.

Per il comunicato stampa e i credits completi vai al precedente post.

A Roma presentazione di “Luciana Savignano. L’eleganza interiore”

All’Accademia Nazionale di Danza per Librindanza 2017 un appuntamento sul libro di Emanuele Burrafato

clicca per scaricare la locandina-invito


Sabato 20 Maggio un nuovo appuntamento per la rassegna Librindanza 2017, curata da Natalia Gozzano e da Marco Ariano e dedicata alle pubblicazioni del settore. Presso il Teatro Ruskaja si presenta il libro di Emanuele Burrafato Luciana Savignano. L’eleganza interiore, recentemente edito da Gremese. Alla presentazione interverranno Luciana Savignano, Alberto Testa e Claudia Celi; introduce Clarissa Mucci; sarà presente l’autore.

La presentazione del libro si concluderà con una serie di performance coordinate da Silvia Obino con la collaborazione di Brunella Vidau e Gabriella Tessitore, che vedranno protagoniste Esther Bega in Oper Dire, coreografia e musica di Antonin Comestaz, Margherita Petrosino che danzerà Stamina, coreografia di Gabriele Rossi su musica di Julia Kent e infine Irene La Monaca e Francesco Aversano che presenteranno Tres Preludios, coreografia di Ben Stevenson, su musica di Sergei Rachmaninov suonata dal vivo da Vinicio Colella. Coordinamento tecnico a cura di Stefano Pirandello con la collaborazione di Mariagiovanna Esposito, Marica Miccoli e Arianna Guido Rizzo.

Il PDF con il comunicato stampa ufficiale è disponibile a questo link.

La rassegna continuerà nei mesi successivi con i seguenti appuntamenti:

10 novembre
Elisa Anzellotti, Memoria e materia della danza: Problemi conservativi di un patrimonio culturale immateriale, Edizioni Accademiche Italiane 2016. Interviene
Donatella Gavrilovichsarà presente l’autrice.

24 novembre
Recherches en Danse, la rivista dell’Associazione
Chercheurs en Danse, n. 5, Ramificazioni. Metodologie negli studi sulla danza (Italia-Francia), a cura di Federica Fratagnoli, Marina Nordera, Patrizia Veroli; saranno presenti Susanne Franco e le curatrici.

Per il programma completo di Librindanza 2017 vedi il precedente post.

Teatro Ruskaja – Accademia Nazionale di Danza
Largo Arrigo VII, 5 – Roma – Ingresso libero fino a esaurimento posti
Sabato 20 Maggio 2017 – ore 18,00

A Roma mostra su Josephine Baker

Manifesti, foto, spartiti e dischi all’Accademia Nazionale di Danza

Josephine Baker

Riportiamo il comunicato stampa dell’Accademia Nazionale di Danza:

intestazione AND

ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA
Istituzione Superiore di Studi Coreutici

JOSEPHINE BAKER, UN MITO DEL MUSIC-HALL, IN MOSTRA ALL’ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA IN OCCASIONE DEL CENTENARIO DELLA  NASCITA (2016 -2017)

OMAGGIO A JOSEPHINE BAKER
(S.Louis, 1906 – Paris, 1975)

ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA – ROMA Largo Arrigo VII, 5
Inaugurazione venerdì 12 maggio alle ore 18

Centodieci anni fa nasceva Joséphine Baker, una delle stelle dello spettacolo, della danza e della canzone nel Novecento. Ma non solo, la Baker fu anche una donna straordinaria dal punto di vista umano, avendo adottato una dozzina di bambini, offrendo così al mondo intero un esempio mirabile del suo essere madre.

L’Accademia Nazionale di Danza, in collaborazione con il Museo Parigino a Roma e a Nixi.it, rende omaggio alla cantante e danzatrice afroamericana, naturalizzata francese, divenuta subito una grande vedette internazionale oltre che esponente di spicco nella lotta contro il razzismo.

Dopo i successi americani, giunta in Europa con la Revue Nègre al Teatro degli Champs-Elysées, la Baker conquistò Parigi, mandando il pubblico in delirio per la sua bellezza accentuata dai costumi succinti con cui calcava le scene. Celebre il suo gonnellino costellato di banane. Una lunga carriera, l’ammirazione del pubblico mondiale, un’arte esuberante, le sue celebri canzoni, le sue gambe e il charleston ne hanno fatto un mito e come tale un esempio indimenticabile.

La mostra, curata da Cesare Nissirio, ripercorre alcune delle tappe dei suoi successi da quel teatro iniziale degli Champs-Elysées, alle Folies Bergère, al Bobino.

Joséphine Baker riposa a Montecarlo per desiderio della Principessa Grace di Monaco, che fu sua amica, ammiratrice e sostenitrice. Manifesti, foto, spartiti, dischi, oggetti vari e quant’altro saranno in mostra all’Accademia Nazionale di Danza a disposizione del pubblico romano: un affresco affascinante dell’artista, riassunto in una serie di pannelli zeppi di immagini d’epoca e di suggestioni.

Il catalogo della mostra accoglie testi di Cesare Nissirio, Alvise Sapori e Alberto Testa (Ed. Athena Parthenos).

L’esposizione resterà aperta dal lunedì al venerdì dal 12 maggio al 13 giugno 2017 dalle ore 10 alle ore 19.

Roma, 27 aprile 2017

Ufficio Stampa Accademia Nazionale di Danza
Raffaella Tramontano
mail: raffaella.tramontano@gmail.com
mob. +39 3928860966

 

All’AND presentazione di “Mary Wigman e la danza tedesca del primo Novecento”

Per Librindanza 2017 un incontro sul libro di Susan Manning

clicca per scaricare l’invito

Riportiamo il comunicato stampa dell’Accademia Nazionale di Danza:

intestazione AND

ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA
Istituzione Superiore di Studi Coreutici

Secondo appuntamento della rassegnaLibrindanza 2017
Susan Manning, Mary Wigman e la danza tedesca del primo Novecento

a cura di Patrizia Veroli, traduzione di Maria Grazia Bosetti
Istituto Italiano di Studi Germanici, Roma 2016

Venerdì 5 maggio (ore 18) al Teatro Ruskaja dell’Accademia Nazionale di Danza, secondo appuntamento della sesta edizione di Librindanza, la rassegna dedicata alla presentazione di libri che abbracciano diversi aspetti dell’arte coreutica, curata da Natalia Gozzano, Storico dell’Arte e da Marco Ariano, Percussionista, entrambi docenti dell’AND.

Mary Wigman e la danza tedesca del primo Novecento, vincitore del Premio De La Torre Bueno nel 1994, è il titolo del volume che sarà presentato. L’autrice è Susan Manning, docente di English Theatre and Performance Studies alla Northwestern University di Evanston nell’Illinois. All’incontro parteciperanno Roberta Ascarelli, presidente dell’Istituto Italiano di Studi Germanici che ha edito nel 2016 il volume, la curatrice Patrizia Veroli , studiosa indipendente che ha pubblicato libri e saggi soprattutto sulla danza del Novecento, nonché Laure Guilbert, ricercatore associato al Centre Marc Bloch di Berlino e responsabile curatore per l’editoria di libri sul Balletto all’Opera di Parigi.

La serata si concluderà con una performance di Annarita Fadda, dal titolo Omaggio a Mary Wigman, coreografia di Enrica Palmieri su musiche di Anthony Gonzalez e Marco Melia con voce della stessa Wigman.

Mary Wigman è una delle più importanti artiste europee del Novecento, e con la sua “danza d’espressione” ha dato vita a un’ arte coreutica del tutto svincolata dalle regole del codice classico-accademico. Celebre il suo debutto, nel 1914, con un assolo che la vide danzare seduta e con il volto coperto da una maschera nell’intento di cancellare l’individualità di chi danza ed esaltare l’universalità dell’essere umano.

Ad Amburgo, all’età di 33 anni, fu consacrata dal pubblico come una delle più grandi danzatrici tedesche, anche se spesso fu criticata.

Nel 1920 a Dresda fondò una scuola innovativa di danza moderna che nel 1930, dopo una trionfale tournée negli Stati Uniti, si ampliò con una sede a New York. Negli anni la Wigman mise a punto un sistema di insegnamento basato sulla respirazione e sul principio della tensione/distensione. Nel 1942 il regime nazista la costrinse a chiudere la sede di Dresda e lei si trsferì prima a Lipsia e poi a Berlino dove nel 1973 morì.

Gli altri appuntamenti di Librindanza: Il 20 maggio si parlerà di Luciana Savignano. L’eleganza interiore di Emanuele Burrafato (Gremese editore, Roma 2016). Parteciperanno l’étoile Luciana Savignano, Alberto Testa, storico della danza, Claudia Celi, docente di Storia della danza dell’And, introdurrà Clarissa Mucci, docente di Tecnica accademica all’And, sarà presente l’autore.

Il 10 novembre si presenterà Memoria e materia della danza: Problemi conservativi di un patrimonio culturale immateriale di Elisa Anzellotti, Edizioni Accademiche Italiane 2016; e il 24 novembre Recherches en Danse, la rivista dell’Associazione Chercheurs en Danse, n. 5 Ramificazioni. Metodologie negli studi della danza (Italia-Francia), a cura di Federica Fratagnoli, Marina Nordera e Patrizia Veroli.

Roma, 27 aprile 2017

Ufficio Stampa Accademia Nazionale di Danza
Raffaella Tramontano
mail: raffaella.tramontano@gmail.com
mob. +39 3928860966

 

Per il programma completo di Librindanza 2017 vai al precedente post.

Teatro Ruskaja – Accademia Nazionale di Danza
Largo Arrigo VII, 5 – Roma – Ingresso libero fino a esaurimento posti
Venerdì 5 Maggio – ore 18,00

Musica e danza alla Corte del Re Sole a “ChROMAtica Festival”

Il 12 Maggio l’evento con La Vertuosa Compagnia de’ Musici di Roma e l’Ensemble di danza storica de Il Teatro della Memoria 

chromatica 2017

Il prossimo 5 Maggio presso lo Spazio Factory del MACRO (Museo di Arte Contemporanea di Roma) prenderà il via ChROMAtica – Festival delle Arti e dei Colori,  nato da un’idea di Laura Pietrocini e Giuliana Bof e presentato dalle associazioni Ars Trio di Roma, Arte2o e Ottava srls. Per sei giornate (5-6-7 e 12-13-14 Maggio) gli ambienti della Ex-Pelanda all’interno del Mattatoio di Testaccio ospiteranno una fitta serie di eventi che vedono come protagonisti i colori declinati attraverso varie espressioni artistiche quali la musica, la danza, il teatro, la moda e il design assieme a fotografia, pittura, scultura e audiovisivo, una vera e propria esperienza da vivere e creare insieme agli stessi artisti. 

Fra i numerosi appuntamenti, segnaliamo Jaune: l’Or de France – musica e danza alla corte del Re Sole che avrà luogo il 12 Maggio alle 18,30 e che vede protagoniste la musica e la danza storica eseguite dal vivo. A interpretare le qualità del colore giallo con musiche e danze dell’epoca saranno La Vertuosa Compagnia de’ Musici di Roma (Valerio Losito – violino barocco e viola d’amore, Giovanni Trovalusci – traversiere, Maurizio Lopa – viola da gamba, Emanuela Pietrocini – clavicembalo) assieme all’Ensemble di danza storica de Il Teatro della Memoria (Simona Buompadre, Fiorella Cardinale, Claudia Celi, Paolo Di Segni)Gli spettatori stessi, ospiti del Ballo a Corte, verranno invitati a unirsi ai danzatori  in danze sociali dell’epoca.

chromatica 2017_2

clicca qui per il programma dettagliato del 12 Maggio

La giornata – che sarà presentata da Pino Gagliardi, giornalista e conduttore, e da Cristina Caruso, giornalista del Tg2 – prevede anche la presentazione del libro Il destino manifesto: gli Aldobrandini di Clemente VIII e la Minerva della storica dell’Architettura Isabella Salvagni, le performance della attrice  Elena Costa, la creazione di acconciature ispirate a Luigi XIV e alla sua corte a cura degli hairstylist del gruppo artistico di Intercoiffure Italia, la capsule collection di abiti dei giovani stilisti dell’Accademia del Lusso di Roma  e  ORO, atelier espositivo di Francesco Bruscia.

Tutto lo Spazio Factory sarà allestito dal light artist Diego Labonia con la sua installazione Near Death, che illuminerà ChROMAtica ogni giorno con il colore che si è deciso di celebrare e dal flower designer Giancarlo Massinelli, che arricchirà con le sue creazioni floreali il festival. Sempre nel salone principale Paolo Soriani presenterà una mostra fotografica con foto in bianco e nero, che farà da sfondo all’intera manifestazione: Anima/Animale, un site project realizzato dal fotografo con la collaborazione di Alessandra Mosca Amapola, artista e performer. Il fotografo ritrattista Giovanni Savelli immortalerà gli artisti e gli ospiti del Festival con la sua arte fotografica, proiettando gli scatti contestualmente; alcune delle sue opere artistiche saranno esposte all’interno del Festival.

Spazio Factory | MACRO Testaccio | Piazza Orazio Giustiniani, 4 | Roma
Ingresso libero
Infoweb:
 www.chromaticafestival.it

Prende il via la sesta edizione di “LibrinDanza”

All’Accademia Nazionale di Danza torna la rassegna dedicata alle pubblicazioni del settore 

clicca sull’immagine per il pieghevole di LibrinDanza 2017

Riportiamo il comunicato stampa dell’Accademia Nazionale di Danza:

intestazione AND

ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA
Istituzione Superiore di Studi Coreutici

Al via la rassegna Librindanza 2017
Letizia Gioia Monda protagonista del primo appuntamento

Prende il via all’Accademia Nazionale di Danza la sesta edizione di Librindanza, la rassegna dedicata alla presentazione di libri che abbracciano diversi aspetti dell’arte coreutica, curata da Natalia Gozzano, Storico dell’Arte dell’And e da Marco Ariano, Docente Percussionista dell’And.

Cinque gli appuntamenti previsti per l’edizione 2017. Si comincia mercoledì 12 aprile al Teatro Ruskaja (ore 18) con Choreographic bodies. L’esperienza della Motion Bank nel progetto multidisciplinare di William Forsythe (Dino Audino editore, Roma 2016) scritto da Letizia Gioia Monda, coreografa, performer e Docente di Ricerca in Tecnologie Digitali e Metodologia per la ricerca sullo spettacolo all’Università La Sapienza. Oltre all’autrice sarà presente Freya Vass-Rhee, drammaturga e ricercatrice di danza della University of Kent.

www.accademianazionaledanza.it

Ufficio Stampa Accademia Nazionale di Danza
Raffaella Tramontano
mail raffaella.tramontano@gmail.com
mob. +39 3928860966

La rassegna continuerà nei mesi successivi con i seguenti appuntamenti:

5 maggio
Susan Manning, Mary Wigman e la danza tedesca del primo Novecento, a cura di Patrizia Veroli, Istituto Italiano di Studi Germanici, Roma 2016. Intervengono Roberta Ascarelli, Laure Guilbert; sarà presente la curatrice.

20 maggio
Emanuele Burrafato, Luciana Savignano. L’eleganza interiore, Gremese Editore, Roma 2016. Intervengono Luciana Savignano, Alberto Testa, Claudia Celi; introduce Clarissa Mucci; sarà presente l’autore.

10 novembre
Elisa Anzellotti, Memoria e materia della danza: Problemi conservativi di un patrimonio culturale immateriale, Edizioni Accademiche Italiane 2016. Interviene Donatella Gavrilovich; sarà presente l’autrice.

24 novembre
Recherches en Danse, la rivista dell’Associazione Chercheurs en Danse, n. 5, Ramificazioni. Metodologie negli studi sulla danza (Italia-Francia), a cura di Federica Fratagnoli, Marina Nordera, Patrizia Veroli; saranno presenti Susanne Franco e le curatrici.

Teatro Ruskaja – Accademia Nazionale di Danza
Largo Arrigo VII, 5 – Roma – Ingresso libero fino a esaurimento posti
Mercoledì 12 Aprile – ore 18,00