La compagnia “Tres Lusores” festeggia a Cori 20 anni di attività

Nella suggestiva Chiesa di Sant’Oliva una conferenza/spettacolo nel segno di Fabrizio Caroso

Tres Lusores 20 Anni

Riportiamo il comunicato diffuso dalla compagnia Tres Lusores di Cori:

Nel 20° anniversario del primo spettacolo la Compagnia Rinascimentale “Tres Lusores” presenta:

“El bel danzar… per dar piacere all’anima gentile”

Un magico Viaggio nel Rinascimento tra passato e presente attraverso musiche, canti, danze di corte e sapori antichi.

Rievocazione storica de “L’Arte del Ballare ò de i Balletti” del M° Fabritio Caroso da Sermoneta, in occasione del VENTESIMO ANNIVERSARIO della Compagnia Rinascimentale “Tres Lusores”.

Interverrà la Prof.ssa Claudia Celi, docente di Storia della Danza presso l’Accademia Nazionale di Danza di Roma.

Musiche e canti eseguiti dal Complesso Strumentale “Fanfarra Antiqua” diretto dal M° Carlo Vittori.

Oggetti artigianali di arredamento dell’artista Nicola Corbi.

Cori, 17 Dicembre 2017
Chiesa di Sant’Oliva, ore 11:00
(ingresso gratuito)

Al termine della conferenza/spettacolo sarà offerto un piccolo banchetto di dolci rinascimentali e locali.
Vi aspettiamo!

 

Come arrivare

Tres Lusores Cori Sant'OlivaPer arrivare a Cori da Roma con il percorso più semplice prendere la SS7 (Appia); alla rotonda del km 17, dopo l’Aeroporto di Ciampino, prendere la SP217 (Via dei Laghi) e seguirla fino a Velletri; da Velletri seguire le indicazioni per Giulianello – Cori. Arrivati nell’abitato di Cori, in via Roma prima dell’Ufficio Postale girare stretto a sinistra su via Antonio Gramsci e salire verso il centro del paese seguendo successivamente via Don Giovanni Minzoni e via Giacomo Matteotti. La chiesa di Sant’Oliva è visibile sulla sinistra dopo il palazzo del Municipio. Sono disponibili parcheggi su via Matteotti e su via Guglielmo Marconi prima della Scuola Media “Massari”.

Il tempo di viaggio partendo dal GRA è di circa un’ora e 20 minuti, considerando il traffico domenicale. A seconda della zona di Roma da cui si parte sono possibili altri percorsi che passano per la via Anagnina oppure per l’Autostrada del Sole, visibili a questo link su Google Maps.

Musiche, danze e ottave rime per Torquato Tasso

Le foto dello spettacolo del 6 Novembre all’interno delle Giornate di studio Indagini su Tasso 

foto di Nadia Noemi Celentano

Nell’ambito delle giornate di studio Indagini su Tasso promosse dal Comune di Sorrento su iniziativa dell’Istituto di cultura “Torquato Tasso”, la sera dello scorso 6 Novembre si è svolto un evento spettacolare costruito attorno alle opere del poeta. L’ensemble di musica antica e danza storica de Il Teatro della Memoria (direzione artistica: Claudia Celi e Andrea Toschi) ha eseguito musiche e danze dell’epoca abbinate alla lettura di brani tassiani.

Credits:

  • Attore: Salvatore Guadagnuolo
  • Danzatori: Simona Buompadre, Claudia Celi,  Paolo Di Segni, Maria Cristina Esposito, Yari Molinari
  • Musicisti: Mauro Morini (trombone rinascimentale), Carolina Pace (flauto dolce), Angela Paletta (bombarda), Andrea Toschi (fagotto rinascimentale e flauto dolce)
  • Illustrazione costumi: Giuseppe Tramontano
  • Illustrazione danze: Claudia Celi
  • Con la partecipazione di: Scuola di danza “Patty Schisa” di Sorrento

Clicca sull’immagine qui sotto per il dépliant con il programma delle giornate di studi e i credits completi

Depliant Sorrento

Anche la musica e la danza per celebrare Torquato Tasso a Sorrento

Dal 6 all’8 Novembre le Giornate di studio Indagini su Tasso con conferenze, mostre, seminari di gastronomia e momenti spettacolari

Altamura - Tasso a Sorrento

Francesco Saverio Altamura, Il Tasso presso sua sorella a Sorrento (1861), olio su tela

Nell’ambito delle celebrazioni per il 440° anniversario del ritorno di Torquato Tasso a Sorrento, la città natale celebra il suo illustre concittadino con una serie di eventi, che si svolgeranno nei prossimi giorni dal 6 all’8 Novembre, organizzati dal Comune di Sorrento su iniziativa dell’Istituto di cultura “Torquato Tasso” con il patrocinio di importanti  Istituzioni (v. dépliant in fondo alla pagina).

Sotto il titolo Indagini su Tasso, sono in programma un fitto numero di comunicazioni scientifiche di studiosi provenienti da Centri di ricerca e Università italiani ed esteri, il seminario Caterina Sforza e il suo ricettario e due mostre, una su Le edizioni illustrate della Gerusalemme Liberata dal secolo XVI al XVIII, l’altra su La profumeria del Rinascimento fra igiene, medicina e seduzione.

Due  i momenti spettacolari, entrambi presso il Teatro Tasso. La sera del 6 Novembre interverrà Il Teatro della Memoria (direzione artistica Claudia Celi e Andrea Toschi) che eseguirà musiche e danze dell’epoca abbinate alla lettura di brani tassiani a cura dell’attore Salvatore Guadagnuolo, con la partecipazione della Scuola di danza “Patty Schisa” di Sorrento. Ad illustrare i costumi interverrà Giuseppe Tramontano, per le danze Claudia Celi. I brani coreografici, ricostruiti sulla base dei trattati di Fabrizio Caroso e Cesare Negri, saranno eseguiti dall’ensemble di musica antica e danza storica de Il Teatro della Memoria composto dai danzatori Simona Buompadre, Claudia Celi,  Paolo Di Segni, Maria Cristina Esposito, Yari Molinari e dai musicisti Mauro Morini (trombone rinascimentale), Carolina Pace (flauto dolce), Angela Paletta (bombarda), Andrea Toschi (fagotto rinascimentale e flauto dolce). 
Il giorno 7 Novembre  sarà la volta del Quintus Ensemble diretto da Davide Troia della Pietà dei Turchini di Napoli che proporrà  un concerto di madrigali su testi del Tasso composti da Carlo Gesualdo da Venosa e Claudio Monteverdi.

Clicca sull’immagine qui sotto per scaricare il dépliant con il programma completo

Depliant Sorrento

Guarda le foto dello spettacolo a questo link

Le foto dell’inaugurazione della stagione “I Concerti nel Tempio”

Alla Chiesa Valdese di Roma il concerto diretto da Daniele Camiz

Foto scattate da Claudia Celi – © Il Teatro della Memoria

Lo scorso Sabato 9 Settembre presso la Chiesa Valdese di Roma si è inaugurata la V stagione della rassegna I Concerti nel Tempio. L’omonima orchestra, diretta da Daniele Camiz, ha eseguito il Concerto per pianoforte K466 di Wolfgang Amadeus Mozart (solista Carlotta Masci) e la Sinfonia in re Op. 107 “La Riforma” di Felix Mendelssohn Bartholdy. La serata è stata presentata da Ezio Conenna.

Per altre informazioni sul programma, guarda il precedente post

Danze di corte europee a Merigar

Presso il centro di Arcidosso della Comunità Dzogchen, un laboratorio teorico-pratico con Claudia Celi

Gonpa_merigar_west

Riportiamo il comunicato diffuso da Merigar:

Logo Merigar.png Merigar 0564 966837
office@dzogchen.it
www.dzogchen.it

Sabato 16 settembre

Merigar in collaborazione con
Associazione Il Teatro della Memoria
presenta

Movete al mio bel suon le piante snelle
Incontro teorico-pratico con Claudia Celi sulla danza di corte fra Quattrocento e primo Seicento

Movete al mio

Danze storiche europee: introduzione alla danza di corte italiana e francese del XV e XVI secolo

Merigar è lieta di ospitare un laboratorio di “Danze di corte fra Quattrocento e primo Seicento”. Sara’ un inusuale tuffo nel ricco Rinascimento guidato da una vera esperta nel settore, Claudia Celi.

Siete tutti benvenuti!

Il nostro proposito è quello di offrire una giornata interessante per chi ama danzare ma anche proporre degli spunti, strumenti ed esempi didattici per chi già insegna o è interessato ad intraprendere un percorso formativo di istruttore di danza.

Claudia Celi, danzatrice e coreografa, conduce gruppi e laboratori di danza da più di 30 anni, si occupa anche di formazione ed è docente presso Università ed Accademie.

La sua disponibilità a condividere una grande esperienza è per noi un’occasione preziosa.

Il laboratorio si svolgerà sabato 16 settembre dalle ore 10.30 alle 13.00 e dalle 14.30 alle 16.30.

E’ necessaria la preiscrizione

Offerta libera

Per maggiori informazioni

Per raggiungere Merigar vedi le indicazioni a questo link

Humor Bizzarro 2017: Claudia Celi – “We’ll measure them a measure” – Dances of the 16th-17th centuries

The program of the course and the teacher’s curriculum

“We’ll measure them a measure”
Dances of the 16th and 17th centuries

The course – aimed at dancers, actors and musicians – is open to students of any level and features the technical study of basic steps and of dance forms named in the works by William Shakespeare. As usual, the classes will be coordinated with the activities of the instrumental music and ensemble music courses in view of the realization of the students’ concert.

Info about registration and costs, with online contact form, is available at this link.

Claudia Celi after graduating in History of Theatre and Spectacle at Università di Roma – La Sapienza, specialized in early dance performance with internationally known teachers such as Barbara Sparti, Francine Lancelot, Shirley Wynne, and Angene Feves. Since 1982 she has taught History of Dance at the Accademia Nazionale di Danza in Rome; from 1991 to 1995 she was also deputy director of this institution. Currently she also teaches for the specialized degree in Spettacolo, moda e arti digitali at the Università di Roma – La Sapienza and has taught Dance History at the ballet school of the Teatro dell’Opera di Roma. In 2001 she was appointed by the Italian Education, University and Research Ministry as a member of the Working Group for Dance Education with the purpose of drafting the new charters of Italian Academies and Conservatories. She has presented communications at international conferences and has collaborated with research centers and universities. She contributed articles to specialized journals, such as ChorégraphieCairon (also as a member of the editorial board), La Danza Italiana and La Nuova Rivista Musicale Italiana. Among her publications are the chapters on italian XIX century ballet for Musica in Scena – Storia dello spettacolo musicale published by UTET and several entries for the International Encycolpedia of Dance, the Dictionnaire Larousse de la Danse and the Dizionario Biografico degli Italiani. Alongside the academic activity she has continued her performing activity in the field of historical dance, that she began in 1977 with the Gruppo di Danza Rinascimentale di Roma directed by Barbara Sparti; with this group, that in 1981 was awarded the “Jia Ruskaja” prize for dance didactics and culture, she has performed in many European festivals. Within her continued activity of popularization of historical dance she attended congresses in Italy and abroad, has been a member of competition panels, has taught courses and seminars for theatres, universities, conservatories and research centers such as Fondazione Teatro Massimo di Palermo (Officina-Laboratorio delle Arti e dei Mestieri del Palcoscenico), Scuola Internazionale dell’Attore Comico (Reggio Emilia), A.N.I.D. (Associazione Nazionale Insegnanti di Danza), Conservatorio A. Casella (L’Aquila), Centro Sperimentale di Cinematografia (Roma) and has been in charge of didactic events and performance of historical dancing for the Scuola di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma and for the Accademia Nazionale di Danza. At this latter institution she regularly teaches – from the academic year 2005/06 onwards – classes in Historical Dances.

Humor Bizzarro 2017: Claudia Celi – “We’ll measure them a measure” – Danze dei secoli XVI-XVII

Il programma del corso e il curriculum della docente

“We’ll measure them a measure”
Danze dei secoli XVI-XVII

Il corso – rivolto a danzatori, attori e musicisti – è aperto ad allievi di tutti i livelli e prevede lo studio tecnico dei passi base e l’apprendimento di forme di danza citate nelle opere di William Shakespeare. Come consueto, le lezioni verranno coordinate con il lavoro delle classi di strumento per la realizzazione del saggio-spettacolo.

Claudia Celi danzatrice, laureata all’Università di Roma – La Sapienza in Storia del Teatro e dello Spettacolo con una tesi sulla danza aulica italiana nel Rinascimento, si è specializzata in danze storiche con maestri di fama internazionale quali Barbara Sparti, Francine Lancelot, Shirley Wynne e Angene Feves. Dal 1982 è docente di Storia della Danza presso l’Accademia Nazionale di Danza, di cui è stata vice-direttrice dal 1991 al 1995. Attualmente è anche docente presso l’Università di Roma – La Sapienza per il corso di Laurea magistrale in Spettacolo, moda e arti digitali. Ha tenuto corsi regolari di Storia della Danza presso la Scuola di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma.  Nel 2001 è stata nominata dal Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca, quale componente del Gruppo di lavoro relativo all’area della Danza per l’elaborazione dei nuovi ordinamenti didattici delle Accademie dei Conservatori. Ha partecipato a convegni in Italia e all’estero e collaborato con centri di ricerca ed Università. Pubblica su riviste specializzate fra cui Chorégraphie e Cairon (anche in qualità di redattrice), La Danza Italiana e La Nuova Rivista Musicale Italiana. Fra le sue pubblicazioni, i capitoli sul balletto in Italia nell’Ottocento per Musica in Scena – Storia dello spettacolo musicale edita dalla UTET e numerose voci per la International Encyclopedia of Dance, il Dictionnaire Larousse de la Danse e il Dizionario Biografico degli Italiani. Parallelamente alla attività accademica, continua l’attività artistica nel campo delle danze storiche, iniziata nel 1977 con il Gruppo di Danza Rinascimentale di Roma, diretto da Barbara Sparti, gruppo che nel 1981 è stato insignito del Premio “Jia Ruskaja” per la didattica e la cultura coreica. Con questo ed altri gruppi ha preso parte a rassegne e festival italiani e internazionali. Nell’ambito di una continuativa attività di divulgazione della danza storica ha partecipato a convegni in Italia e all’estero, fatto parte di giurie di concorsi e tenuto corsi e seminari di danza antica per teatri, università, conservatori e centri di ricerca, quali la Fondazione Teatro Massimo di Palermo (Officina-Laboratorio delle Arti e dei Mestieri del Palcoscenico), la Scuola Internazionale dell’Attore Comico (Reggio Emilia), l’A.N.I.D. (Associazione Nazionale Insegnanti di Danza), il Conservatorio A. Casella (L’Aquila), il Centro Sperimentale di Cinematografia (Roma) ed ha curato manifestazioni didattiche e saggi-spettacolo di danze storiche per la Scuola di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma e per l’Accademia Nazionale di Danza, presso la quale tiene regolarmente dall’anno accademico 2005/06 gli insegnamenti di Danze Storiche.

Informazioni complete sui costi del corso e scheda d’iscrizione disponibili a questo link.