Con Bournonville inizia il progetto “La danza va al museo”

gnam

Il primo appuntamento di una collaborazione fra Galleria Nazionale di Arte Moderna e Accademia Nazionale di Danza

Riportiamo qui di seguito il comunicato stampa:

La Galleria Nazionale di Arte Moderna (GNAM)
in collaborazione con
l’Accademia Nazionale di Danza (AND)
ha il piacere di ospitare l’iniziativa

La danza va al museo. Discorso tra arti visive
Conferenze e Master Class sulla danza classica e contemporanea

Primo incontro: Domenica 1 marzo 2015, ore 10.00 – ingresso libero

La scuola danese di August Bournonville (1805-1879)

Conferenza-dimostrazione di Flemming Ryberg (già étoile e maestro del Balletto Reale Danese) e Francesca Falcone (docente di Teoria della Danza presso l’Accademia Nazionale di Danza)

03conserv-05

Flemming Ryberg con Mette Hønningen e Anna Laerkes in Il conservatorio (ca. 1970)

La danza nelle sue diverse espressioni ha una storia importante presso la Galleria Nazionale d’Arte Moderna. Fu Palma Bucarelli a immaginare in questo luogo suggestivo una possibile integrazione tra arti della visione e arti della danza e del movimento. La collaborazione nel 1949 con Jia Ruskaja, l’allora direttrice dell’Accademia Nazionale di Danza, si inseriva in questo solco. Con La danza va al Museo. Discorso tra arti visive le due storiche istituzioni, la GNAM e l’AND ricominciano a dialogare.

Il ricco patrimonio storico-artistico presente nelle collezioni della GNAM è la testimonianza della grande storia culturale del nostro paese: le sale che custodiscono le opere dell’Ottocento e del Novecento possono costituire non solo da ambientazione ideale per lezioni, conferenze, dimostrazioni e performance di danza, ma anche da occasione per indagare sulle modalità di incontro tra i diversi linguaggi e sulle diverse logiche della rappresentazione.

Il progetto è articolato in due sezioni: la prima è dedicata alla danza classica e la seconda alla danza moderna e contemporanea. Il primo incontro si aprirà con una conferenza-dimostrazione di Flemming Ryberg, tra i più autorevoli custodi della tecnica e della pantomima bournonvilliana, e di Francesca Falcone, studiosa del balletto danese. Sarà presentata una ricca documentazione video attestante la tradizione “vivente” del balletto di August Bournonville, il celebre coreografo di creazioni coreografiche immortali quali La Sylphide (1836) e Napoli (1842), pervenuti sino ai nostri giorni grazie all’amorevole cura di generazioni di ballerini e maestri danesi.

Seguirà poi la Master class di Flemming Ryberg per i giovani allievi del V, VI e VII corso dell’Accademia Nazionale di Danza. Seguiranno altri sei incontri incentrati sul mettere in luce l’eredità storica di alcune tra le più illustri personalità della danza classica e moderna: Enrico Cecchetti, Agrippina Vaganova, Martha Graham, José Limón, Merce Cunningham e Pina Bausch.

Iniziativa curata da Francesca Falcone ed Emanuela Garrone.
Organizzazione a cura di Elena Viti.
Per info ufficio stampa GNAM – 06-32298328
Luogo: Galleria Nazionale d’Arte Moderna, viale delle Belle Arti 131, 00196 Roma

Dato che il 1 Marzo è la prima Domenica del mese, ricordiamo che – per l’initiativa #domenicalmuseo del MIBACT – sarà gratuita anche la visita alle altre sale della Galleria, aperta fino alle 19,30.

aggiornamento 2/3/15: Le foto dell’evento sono pubblicate a questo link

One Response to Con Bournonville inizia il progetto “La danza va al museo”

  1. Pingback: Una domenica al museo con la danza | Il Teatro della Memoria

Lasciate il vostro commento / Leave a reply

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: