“Giuditta” di Alessandro Scarlatti alla Filarmonica Romana

L’oratorio riproposto dall’ensemble Concerto Romano

L’episodio biblico di Giuditta e Oloferne, già dipinto con sublime tratto da Artemisia Gentileschi, è il soggetto dell’Oratorio composto da Alessandro Scarlatti su testo di Antonio Ottoboni. La versione proposta dall’Accademia Filarmonica è quella del 1697 – cosiddetta «di Cambridge» – con tre voci, orchestra d’archi e Basso continuo, e verrà eseguita dall’ensemble Concerto Romano con la direzione e concertazione di Alessandro Quarta. Accanto ai tre solisti (Francesca Aspromonte: Giuditta – soprano; Hilary Summers: Nutrice – contralto; Luca Cervoni: Oloferne – tenore) interverrà un ricco ensemble con copie di strumenti d’epoca formato da Paolo Perrone, Gabriele Politi, Laura Corolla, Boris Begelmann, Mauro Massa, Lathika Vithanage, Antonio De Sarlo (violini), Pietro Meldolesi, Teresa Ceccato (viole), Marco Ceccato (violoncello), Matteo Coticoni (contrabbasso), Francesco Tomasi (arciliuto e chitarra), Giovanni Battista Graziadio (fagotto), Stefano Demicheli (cembalo), Andrea Buccarella (organo).

giovedì 18 dicembre 2014 – ore 21
Teatro Olimpico
Piazza Gentile da Fabriano, 17 – Roma

Per gli iscritti a questo blog e alla pagina Facebook de Il Teatro della Memoria sono disponibili biglietti ridotti a 10 euro in platea. E’ richiesta la prenotazione allo 06 3201752 | promozione@filarmonicaromana.org

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: