“Quando passano per via…”: il Galop delle Bersagliere e l’annessione di Venezia e Roma all’Italia

Il Risorgimento in ballo – Episodi tra cronaca e leggenda dal mondo della danza – 8a puntata
Con questa puntata si conclude «a passo di carica» la rubrica sul Risorgimento in ballo

Dopo la Seconda guerra d’Indipendenza a completare il Regno d’Italia mancavano Venezia, ancora in mano agli Austriaci, e Roma, sede del Papato. Anche il teatro di danza portò allora il suo contributo alla causa unitaria. Il corpo dei Bersaglieri, fondato da Carlo Alberto nel 1836, divenne sotto la guida di Alessandro La Marmora un reparto d’élite. Durante la campagna del 1860 si era distinto in tutte le battaglie entrando nell’immaginario popolare risorgimentale – accanto alle figure di Garibaldi e del re Vittorio Emanuele II – ed era pronto ad entrare anch’esso sui palcoscenici italiani.


Un esempio è il già citato ballo Il ritorno del volontario bersagliere dalla battaglia di Magenta, di cui non si conosce per ora l’autore (Bologna, teatro Nosadella, carnevale 1860), ma i bersaglieri – anzi, le bersagliere – più famosi sono nel ballo Flik e Flok di Paolo Taglioni con musica di Peter Ludwig Hertel, dato alla Scala di Milano nel carnevale 1862 (di cui ricorre quindi il 150°), cui arrise un successo strepitoso con repliche in tutta Italia.

Ripresa di un ballo dato a Berlino nel 1858, ha al suo interno una scena sottomarina in cui è situato un “Ballabile dei fiumi” che nell’edizione originale erano la Sprea, la Neva, il Tamigi, la Senna e il Danubio; significativamente a Milano quest’ultimo verrà sostituito con la Laguna Veneta, un numero che si chiudeva con l’entrata di balde ragazze vestite da bersagliere al suono della fanfara. Solo nel 1866 finalmente il Veneto sarà libero dal giogo austriaco; Roma verrà presa dopo la breccia di Porta Pia nel 1870, ed anche in quell’occasione risuonerà il Galop delle Bersagliere nel Teatro Argentina. Questa musica, familiarmente conosciuta col nome di “Flik e Flok, accompagna ancora oggi la corsa energica e gioiosa dei militari.

Chi volesse conoscere la storia del ballo ed in particolare della sua musica può leggere l’articolo di Claudia Celi ed Andrea Toschi Alla ricerca dell’anello mancante: “Flik e Flok” e l’Unità d’Italia, «Chorégraphie», I, 2, autunno 1993, pp.59-72. (R.Z.)

Info ritazambon
Degree in Greek literature. Dancer (ballet, contemporary dance, dance of renaissance and barock). Scholar of Dance History. Archival Research.

2 Responses to “Quando passano per via…”: il Galop delle Bersagliere e l’annessione di Venezia e Roma all’Italia

  1. icittadiniprimaditutto says:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  2. Pingback: Flik e Flok: un breve videoclip dal concerto di mercoledì scorso « Il Teatro della Memoria

Lasciate il vostro commento / Leave a reply

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: