Humor Bizzarro 2017: i programmi

prova-banner-13

XVI Edizione – Roma 29 luglio – 6 agosto 2017

Corsi, concerti e laboratori a cura di
Il Teatro della Memoria (dir. artistica: Claudia Celi e Andrea Toschi)

Programmi

Filo conduttore della edizione 2017 de L’Humor Bizzarro sarà “English pastimes”, tema che attraverserà i corsi e i laboratori, anche quest’anno ospitati nei locali della storica Scuola Popolare di Musica di Testaccio. Come sempre, i risultati della settimana di lavoro verranno presentati in uno spettacolo finale frutto dell’interazione fra allievi e docenti e aperto alla cittadinanza.

Canto e Strumento

Parte integrante dei corsi di strumento è la Pratica di Musica d’Insieme, di Accompagnamento alla danza  e la partecipazione gratuita al Seminario di Qi Gong. Per gli iscritti al corso di Canto sono previste lezioni di Gestualità retorica espressamente concepite in relazione ai brani vocali da eseguire e la partecipazione gratuita al Seminario di Qi Gong.

Canto rinascimentale e barocco – docente Rosanna Rossoni

Il corso è rivolto a tutte le persone interessate allo studio degli aspetti psicomotori legati all’emissione vocale e agli aspetti stilistici ed interpretativi nella musica dal Rinascimento al Barocco. Sono previste lezioni individuali e collettive: parte del corso verrà destinato allo studio di brani a due o più voci tratti da opere. È comunque possibile proporre brani da concordare con la docente. È inoltre possibile, per gruppi vocali da camera già formati, approfondire con la docente gli aspetti tecnici della pratica d’insieme. Il corso verrà integrato da lezioni di Gestualità retorica.

Flauto Dolce – docente Marco Rosa Salva

Musica inglese della seconda metà del Seicento.
Durante il corso, aperto a flautisti di qualsiasi livello, saranno proposte musiche di John Jenkins, Matthew Locke, Henry Purcell, John Blow. Sono previste lezioni individuali e di ensemble su strumenti copie di originali (all’occorrenza alcuni strumenti saranno messi a disposizione). Gli allievi potranno in ogni caso proporre per le loro lezioni individuali brani di propria scelta, anche non attinenti l’argomento principale del corso.

Liuto rinascimentale, Tiorba e Chitarra barocca – docente Francesco Tomasi

Il corso è aperto sia ai principianti che agli allievi più avanzati. Verranno discussi e approfonditi gli aspetti tecnici e interpretativi del repertorio del liuto rinascimentale, della tiorba e della chitarra barocca. Oltre alle lezioni singole di repertorio solistico sullo strumento, verrà dato ampio spazio alla musica d’insieme, sia vocale che strumentale, con approfondimenti sulla realizzazione del basso continuo. Sono ammessi anche gli studenti di chitarra classica desiderosi di approfondire il repertorio antico sul loro strumento.

Oboe barocco – docente Angela Paletta

Il corso è aperto ad amatori e professionisti che vogliano avvicinarsi al repertorio barocco e classico, sia con lo strumento moderno che con quello dell’epoca. Il programma si incentrerà sulle problematiche esecutive ed interpretative e sulla tecnica di costruzione delle ance. Particolare attenzione verrà data allo studio della respirazione con esercizi mirati di QiGong. Le lezioni, individuali e collettive, mirano allo studio del repertorio solistico e cameristico del periodo, con particolare attenzione alle variazioni per oboe pubblicate in Inghilterra su grounds e arie scozzesi e in eventuale collaborazione con le classi di canto e di danza. Sarà possibile concordare altri brani su proposta degli allievi.

Viola da Gamba – docente Silvia De Maria

Il corso è rivolto a violisti da gamba di tutti i livelli ed età. Sono benvenuti anche i musicisti classici o amatori che vogliono avere un primo approccio con la viola da gamba. Su richiesta è possibile avere a disposizione sul posto una viola con cui cimentarsi. Oltre alle lezioni individuali, per gli allievi più avanzati sono previste sessioni di musica in consort di viole; il repertorio verterà sulla musica inglese del 500’ e 600,’ ovvero sulle composizioni a quattro e cinque voci di J. Jenkins, A. Ferrabosco, W. Byrd, J. Dowland, W. Lawes, J. Coperario, M. Locke.

Accompagnamento al Cembalo – docente Paolo Tagliapietra

Armonia al cembalo per principianti. Preparazione all’esecuzione estemporanea di brevi accompagnamenti su basso numerato. Applicazione pratica ai brani studiati nei corsi di canto, strumento e musica d’insieme, finalizzata alla partecipazione al concerto finale. L’allievo deve essere a conoscenza dei rudimenti di tecnica della tastiera, nonché di una discreta pratica dei collegamenti armonici elementari.

Danza, Gestualità retorica e Qi Gong

Per tutti gli iscritti ai corsi di danza è prevista la partecipazione gratuita al Seminario di Qi Gong.

“We’ll measure them a measure” – Danze dei secoli XVI-XVII – docente Claudia Celi

Il corso – rivolto a danzatori, attori e musicisti – è aperto ad allievi di tutti i livelli e prevede lo studio tecnico dei passi base e l’apprendimento di forme di danza citate nelle opere di William Shakespeare. Come consueto, le lezioni verranno coordinate con il lavoro delle classi di strumento per la realizzazione del saggio-spettacolo.

Cupid’s Garden – Le Jardin de Cupidon – Danze e contraddanze in Inghilterra e Francia tra Sei e Settecento – docente Ilaria Sainato

Il corso è rivolto a danzatori, musicisti e a chiunque abbia interesse a conoscere o approfondire la tecnica della danza barocca. Le lezioni, teorico-pratiche, prevedono riscaldamento e tecnica coreutica di base, studio delle coreografie (ricostruite principalmente dalla notazione Beauchamp–Feuillet), cenni sulla trattatistica coreutica coeva al repertorio studiato. Una parte delle lezioni sarà dedicata ad approfondire questioni riguardanti le fonti, la notazione, il repertorio coreografico. Durante lo studio delle coreografie, particolare attenzione sarà rivolta alla connessione e integrazione musica-danza e alle problematiche legate all’esecuzione della musica per danza. Durante il corso saranno indagate le corrispondenze, i prestiti e le influenze coreografiche e musicali tra Inghilterra e Francia attraverso lo studio delle coreografie di André Lorrin, Mr. Isaac e John Essex. Le coreografie da studiare verranno scelte dall’insegnante in base al livello e alle esigenze degli iscritti.

Quadrilles at the time of Jane Austen – Danze di Società dell’inizio del XIX secolo – docente Paolo Di Segni

Nel corso, aperto ad allievi di ogni livello, si studieranno la tecnica ed i passi delle danze dell’epoca Regency – secondo i manuali inglesi del primo Ottocento – applicati alle quadriglie del periodo.

spazio bianco

Seminario di Gestualità retorica – docente Ilaria Sainato

Il seminario si rivolge a cantanti, danzatori, attori, musicisti e a tutti coloro che si interessano al repertorio del teatro con musica dei secoli XVII-XVIII e offre agli allievi un ulteriore strumento di interpretazione di tale repertorio tramite l’approfondimento teorico-pratico delle caratteristiche del teatro barocco e del gesto retorico e di temi quali la prossemica teatrale, i ruoli, i caratteri e i personaggi tipici, la teoria degli affetti.

Seminario di Qi Gong / Arte del respiro – docente Angela Paletta

Il seminario è gratuito per tutti i corsisti. Per maggiori informazioni su questa disciplina leggi qui

La frequenza ai corsi è valutabile come credito formativo presso Università, Conservatori e Accademie.

Il curriculum dei docenti è disponibile sulla pagina web curricula.htm

Regolamento e costi disponibili a questo link

Per informazioni:
tel. & fax: 06–33267447 – cell. 328–3645555 (fino al 29 luglio)
tel.: 320–0557319 (nei giorni del corso)   e-mail: info@teatrodellamemoria.org

Oppure riempi il modulo qui sotto:

Humor Bizzarro 2016: Claudia Celi – “Le bellezze d’Olimpia” – Danze italiane dei secoli XVI-XVII

Il programma del corso e il curriculum della docente

Foto: Marco Mancini

Le bellezze d’Olimpia
Danze italiane dei secoli XVI-XVII
Il corso è dedicato all’immagine femminile nel Rinascimento, esaltata da letterati e musicisti dell’epoca. Come consueto, le lezioni verranno coordinate con il lavoro delle classi di strumento per la realizzazione del saggio-spettacolo. Il corso – rivolto a danzatori, attori e musicisti – è aperto ad allievi di tutti i livelli e prevede lo studio tecnico dei passi base e l’apprendimento di ricostruzioni coreografiche dai trattati di Fabrizio Caroso e Cesare Negri.

Claudia Celi danzatrice, laureata all’Università di Roma – La Sapienza in Storia del Teatro e dello Spettacolo con una tesi sulla danza aulica italiana nel Rinascimento, si è specializzata in danze storiche con maestri di fama internazionale quali Barbara Sparti, Francine Lancelot, Shirley Wynne, Angene Feves e Cecilia Gracio Moura. Dal 1982 è docente di Storia della Danza presso l’Accademia Nazionale di Danza, di cui è stata vice-direttrice dal 1991 al 1995. Attualmente è anche docente presso l’Università di Roma – La Sapienza per il corso di Laurea magistrale in Spettacolo, moda e arti digitali. Ha tenuto corsi regolari di Storia della Danza presso la Scuola di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma.  Nel 2001 è stata nominata dal Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca, quale componente del Gruppo di lavoro relativo all’area della Danza per l’elaborazione dei nuovi ordinamenti didattici delle Accademie dei Conservatori. Ha partecipato a convegni in Italia e all’estero e collaborato con centri di ricerca ed Università. Pubblica su riviste specializzate fra cui Chorégraphie e Cairon (anche in qualità di redattrice), La Danza Italiana e La Nuova Rivista Musicale Italiana. Fra le sue pubblicazioni, i capitoli sul balletto in Italia nell’Ottocento per Musica in Scena – Storia dello spettacolo musicale edita dalla UTET e numerose voci per la International Encyclopedia of Dance, il Dictionnaire Larousse de la Danse e il Dizionario Biografico degli Italiani. Parallelamente alla attività accademica, continua l’attività artistica nel campo delle danze storiche, iniziata nel 1977 con il Gruppo di Danza Rinascimentale di Roma, diretto da Barbara Sparti, gruppo che nel 1981 è stato insignito del Premio “Jia Ruskaja” per la didattica e la cultura coreica. Con questo ed altri gruppi ha preso parte a rassegne e festival italiani e internazionali. Nell’ambito di una continuativa attività di divulgazione della danza storica ha partecipato a convegni in Italia e all’estero, fatto parte di giurie di concorsi e tenuto corsi e seminari di danza antica per teatri, università, conservatori e centri di ricerca, quali la Fondazione Teatro Massimo di Palermo (Officina-Laboratorio delle Arti e dei Mestieri del Palcoscenico), la Scuola Internazionale dell’Attore Comico (Reggio Emilia), l’A.N.I.D. (Associazione Nazionale Insegnanti di Danza), il Conservatorio A. Casella (L’Aquila), il Centro Sperimentale di Cinematografia (Roma) ed ha curato manifestazioni didattiche e saggi-spettacolo di danze storiche per la Scuola di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma e per l’Accademia Nazionale di Danza, presso la quale tiene regolarmente dall’anno accademico 2005/06 gli insegnamenti di Danze Storiche.

Informazioni complete sui costi del corso e scheda d’iscrizione disponibili a questo link.

Humor Bizzarro 2016: i programmi

XV edizione – Roma, 30 luglio – 7  agosto 2016

Corsi – concerti – laboratori a cura di
Il Teatro della Memoria (direzione artistica Claudia Celi e Andrea Toschi)

Programmi

L’Humor Bizzarro – anche quest’anno ospitato nei locali della storica Scuola Popolare di Musica di Testaccio – propone per l’edizione 2016 un team di docenti in parte rinnovato e alcune novità nei corsi e nei seminari. A quelli ormai di tradizione si affiancano infatti i corsi di Violoncello barocco, Tiorba, Ballo Regency e il Seminario di Gestualità retorica. Come da prassi consolidata, i temi proposti all’interno delle lezioni confluiranno in uno spettacolo finale frutto dell’interazione fra allievi e docenti e aperto alla cittadinanza.

Leggi oltre…

Sigue en Bologna “Tre sguardi sul Rinascimento”, iniciativa organizada por 8cento

Segundo encuentro sobre danzas y alegorías astrales en la Italia del siglo XVI, curado por Claudia Celi con la participación de Paolo di Segni

TEATRO DELLA MEMORIA "Se le donne portassero la spada - Canti, danze e lazzi nella Roma del Rinascimento" - Roma, Oratorio del Gonfalone 27 Febbraio 2014 - foto: Marco Mancini - www.marcomancini.net

Organizada por la Asociación 8cento, está teniendo lugar en Boloña la reseña Tre sguardi sul Rinascimento (tres miradas hacia el Renacimiento) organizada en talleres y demonstraciones–espectáculos dedicados a los repertorios de danzas de la época. Para los días 16 y 17 de enero está en programación Chiara Stella. Danzas y alegorías astrales en el siglo XVI curado por Claudia Celi.

Se empieza por las rimas que acompañan a la descripción de las danzas en los tratados de los maestros de danza entre los siglos XVI y comienzos del XVII. En éstos se invocan también las virtudes de los astros para celebrar las excelencias de las damas y caballeros a los cuales estaban dedicados. El taller prevé el estudio de tipologías de danza inspiradas en alegorías astrales.

Después del primer encuentro de sábado 16 de enero desde las 15.00 hasta las 18.00, abierto a todos, las clases seguirán domingo 17 de enero según esta división:  10.00 – 13.00 nivel  principiante/intermedio; 14.00 – 17.00 nivel intermedio/avanzado.

Sábado por la noche a las 21.00 en el Museo Civico Medievale,  Claudia Celi dará una clase-espectáculo acompañada por Paolo Di Segni en las danzas.

Para descargar el folleto informativo de la reseña haz clic en la imagen  aquí abajo.


Para más informaciones sobre precios y reservas:
www.8cento.org – info@8cento.org – tel. (+39) 340-2719343

Going on in Bologna: the series “Tre sguardi sul Rinascimento” organized by 8cento

The second rendezvous, focusing on dances and astrological allegories in 16th century Italy, will be held by Claudia Celi with the participation of Paolo Di Segni

TEATRO DELLA MEMORIA "Se le donne portassero la spada - Canti, danze e lazzi nella Roma del Rinascimento" - Roma, Oratorio del Gonfalone 27 Febbraio 2014 - foto: Marco Mancini - www.marcomancini.net

Organized in Bologna (Central Italy) by Associazione 8cento, the series Tre sguardi sul Rinascimento continues on January 16 and 17 with Chiara Stella. Danze e allegorie astrali nell’Italia del Cinquecento held by Claudia Celia weekend featuring an Early Dance workshop and a performance-demonstration.

Taking its cue from the poems printed along the dance descriptions in the treatises by the dance masters of 16th and early 17th century, in which also the virtues of heavenly bodies are the means to celebrate the qualities of Ladies and Lords to whom the dances were dedicated, the workshop will study dance forms inspired by astrological allegories.

After the first lesson open to all, taught on Saturday January 16 from 3.00 to 6.00PM, the classes will continue on Sunday 17 subdivided in this way: 10.00AM to 1.00PM beginner/intermediate level; 2.00 to 5.00PM intermediate/advanced level.

Saturday evening at 9.00PM at the Museo Civico Medievale, Claudia Celi will hold a lecture-performance, partnered by Paolo Di Segni.

To download the information flyer click on the image below

For detailed info about costs and bookings:
www.8cento.org – info@8cento.org – tel. (+39) 340-2719343

A Bologna prosegue “Tre sguardi sul Rinascimento” organizzata da 8cento

Secondo incontro su danze e allegorie astrali nell’Italia del Cinquecento a cura di Claudia Celi con la partecipazione di Paolo Di Segni

TEATRO DELLA MEMORIA "Se le donne portassero la spada - Canti, danze e lazzi nella Roma del Rinascimento" - Roma, Oratorio del Gonfalone 27 Febbraio 2014 - foto: Marco Mancini - www.marcomancini.net

Organizzata dalla Associazione 8cento, è in corso a Bologna la rassegna Tre sguardi sul Rinascimento articolata in workshop e dimostrazioni-spettacolo dedicati ai repertori di danza dell’epoca. Per il 16 e 17 Gennaio 2016 è in programma Chiara Stella. Danze e allegorie astrali nell’Italia del Cinquecento a cura di Claudia Celi.

Partendo dalle rime che accompagnano la descrizione delle danze nei trattati dei maestri di danza fra Cinquecento e primo Seicento, in cui anche le virtù degli astri sono chiamate a celebrare le qualità delle Dame e dei Signori cui esse erano dedicate, il workshop prevede lo studio di forme di danza ispirate ad allegorie astrali.

Dopo il primo incontro di sabato 16 Gennaio dalle 15.00 alle 18.00 aperto a tutti, le lezioni proseguiranno domenica 17 così suddivise: ore 10.00 – 13.00 Livello principiante/intermedio; ore 14.00 – 17.00 Livello intermedio/avanzato.

Sabato sera alle 21,00 presso il Museo Civico Medievale, Claudia Celi terrà una lezione-spettacolo accompagnata nelle danze da Paolo Di Segni.

Per scaricare il volantino informativo della rassegna clicca sull’immagine qui sotto

Per info dettagliate su costi e prenotazioni:
www.8cento.org – info@8cento.org – tel. 340-2719343

ULTIM’ORA: Le lezioni si svolgono presso LEGGERE STRUTTURE via Ferrarese 169/A, sempre a Bologna. Gli orari restano invariati: sab ore 15-18, dom ore 10-13, e 14-17

Humor Bizzarro 2015: Claudia Celi – “Dal Pelachiù al Bigarà”, 16-17th Century Italian and French Games and Dances

Course program and teacher’s curriculum

The practical-theoretical course is open to students of any level and is coordinated with the activities of the instrumental music and ensemble music courses aiming to the realization of the students’ concert where dance will be accompanied by live music. The classes will feature the study of the basic steps and choreographical reconstructions from the treatises by Fabrizio Caroso, Cesare Negri and Thoinot Arbeau.

Claudia Celi, after graduating in History of Theatre and Spectacle at Università di Roma – La Sapienza, specialized in early dance performance with internationally known teachers such as Barbara Sparti, Francine Lancelot, Shirley Wynne, Angene Feves and Cecilia Gracio Moura. Since 1982 she has taught History of Dance at the Accademia Nazionale di Danza in Rome; from 1991 to 1995 she was also deputy director of this institution. Currently she also teaches for the specialized degree in Spettacolo, moda e arti digitali at the Università di Roma – La Sapienza and has taught Dance History at the ballet school of the Teatro dell’Opera di Roma. In 2001 she was appointed by the Italian Education, University and Research Ministry as a member of the Working Group for Dance Education with the purpose of drafting the new charters of Italian Academies and Conservatories. She has presented communications at international conferences and has collaborated with research centers and universities. She contributed articles to specialized journals, such as ChorégraphieCairon (also as a member of the editorial board), La Danza Italiana and La Nuova Rivista Musicale Italiana. Among her publications are the chapters on italian XIX century ballet for Musica in Scena – Storia dello spettacolo musicale published by UTET and several entries for the International Encycolpedia of Dance, the Dictionnaire Larousse de la Danse and the Dizionario Biografico degli Italiani. Alongside the academic activity she has continued her performing activity in the field of historical dance, that she began in 1977 with the Gruppo di Danza Rinascimentale di Roma directed by Barbara Sparti; with this group, that in 1981 was awarded the “Jia Ruskaja” prize for dance didactics and culture, she has performed in many European festivals. Within her continued activity of popularization of historical dance she attended congresses in Italy and abroad, has been a member of competition panels, has taught courses and seminars for theatres, universities, conservatories and research centers such as Fondazione Teatro Massimo di Palermo (Officina-Laboratorio delle Arti e dei Mestieri del Palcoscenico), Scuola Internazionale dell’Attore Comico (Reggio Emilia), A.N.I.D. (Associazione Nazionale Insegnanti di Danza), Conservatorio A. Casella (L’Aquila), Centro Sperimentale di Cinematografia (Roma) and has been in charge of didactic events and performance of historical dancing for the Scuola di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma and for the Accademia Nazionale di Danza. At this latter institution she regularly teaches – from the academic year 2005/06 onwards – classes in Historical Dances.

Info on the workshop costs and registration is available at this link.