Meraviglie del barocco a “Purtimiro 2018”

Molte novità per la terza edizione del festival a Lugo di Romagna

Lugo Purtimiro

Giunto alla terza edizione, il Festival Purtimiro presenta quest’anno ben diciotto appuntamenti dedicati alla musica del barocco programmati fra il 27 Settembre e il 14 Ottobre (vedi tutti i dettagli a questo link). I generi proposti spaziano dalle Ouvertures per orchestra di Bach a capolavori dell’opera italiana – quali Arminio di Bononcini e Ester di Stradella – e alle cantate e serenate dei più grandi maestri dell’epoca. Ampio spazio è riservato alla musica strumentale da camera, con tre concerti dedicati ad un particolare repertorio – quello per due strumenti uguali che godette di un certo successo editoriale durante il Settecento – con programmi di volta in volta eseguiti da due violini, due violoncelli e due arpe.

Impossibile nominare qui tutti i solisti che interverranno in questa autentica festa del barocco. Per i complessi impegnati in questa edizione – oltre a Concerto Italiano, l’ensemble residente del Festival diretto da Rinaldo Alessandrini – in cartellone appaiono Atalanta fugiens diretto da Vanni Moretto, Alea Ensemble, Ensemble Zefiro diretto da Alfredo Bernardini, Arsenale Sonoro, Il Sogno Barocco diretto da Paolo Perrone, Cappella Augustana, Imaginarium Ensemble diretto da Enrico Onofri.

Teatro Rossini – Piazzale Cavour, 17 – Lugo (RA) – Tel. 0545.38542
Contatti: info@purtimiro.it – pagina web – pagina Facebook

In occasione degli spettacoli del Festival Purtimiro saranno disponibili biglietti scontati del 15% per gli iscritti a questo Blog o alla Pagina Facebook de Il Teatro della Memoria. Per ricevere il coupon da presentare al botteghino compila il form qui sotto e invialo.

Bando per un docente di Oboe barocco a Graz

UniGraz docente di oboe barocco

La Universität für Musik und darstellende Kunst Graz (Institut für Alte Musik und Aufführungspraxis) ha annunciato la procedura per la selezione di un docente di Oboe barocco, con inizio del servizio a partire dal semestre invernale dell’anno accademico 2019/20. Il contratto offerto è a tempo parziale (50%) e prevede uno stipendio lordo base di € 2502,55 (per 14 mensilità) con possibilità di contrattare aumenti. I requisiti essenziali indicati nel bando sono:

  • Titolo di studio di livello universitario o formazione equivalente.
  • Massima qualificazione artistica per la disciplina con specifica.
  • Elevata carriera artistica internazionale.
  • Eminente capacità pedagogica e didattica nel campo delle tecniche esecutive storiche così come nell’impartire le più aggiornate conoscenze relative all’esecuzione storicamente informata.
  • Capacità e disponibilità ad assumere incarichi di direzione artistica.
  • Distponibilità a prendere parte attivamente allo sviluppo della cultura didattica e alla vita artistica e scientifica dell’Università così come alla realizzazione dell’autogoverno nella Kunstuniversität Graz.
  • Competenza di genere [N.d.R.: la capacità di riconoscere le prospettive di genere nel proprio lavoro e di concentrarsi su di esse con l’obiettivo dell’uguaglianza rispetto al genere].

In caso di parità di qualifiche, sarà data preferenza alle candidate donne. Analoga preferenza è prevista per i candidati con esigenze speciali. [N.d.R.: con questo termine vengono indicate le persone le cui condizioni fisiche, psichiche o, più in generale, di salute richiedano assistenza per aspetti quali il supporto, l’accoglienza e l’accessibilità ai locali].

Il termine di scadenza per la domanda è il 13 settembre 2018. Il bando completo con le informazioni su come proporsi in qualità di docente di oboe barocco è disponibile a questo link.
Pagina web Institut für Alte Musik und Aufführungspraxis: www.kug.ac.at

 

Picnic musicale Regency in Maremma con Jane Austen – Le foto

L’Ensemble Regency de Il Teatro della Memoria nel concerto-aperitivo del 12 agosto

Foto scattate da Stefano Nuti.

Accanto alla porta medievale di ingresso al borgo di  Montemerano (Grosseto), la scorsa domenica 12 Agosto le musiche dei salotti all’epoca dei romanzi di Jane Austen sono state protagoniste del concerto-aperitivo Drink to me only with thine eyes eseguito con copie di strumenti del periodo classico. Ospite del bar “Il Glicine”,  l’Ensemble Regency de Il Teatro della Memoria era formato da: Lara Cocca (flauto), Andrea Damiani (chitarra), Angela Paletta (oboe), Andrea Toschi (fagotto e concertazione). Il programma presentato comprendeva musiche di autori quali F.J. Haydn, S. Storace, W.A. Mozart e L. van Beethoven accanto ad arie tradizionali dell’Inghilterra e della Scozia e altri brani rinvenuti nei libri della famiglia Austen.

Per altre info e per la locandina dell’evento vai al precedente post.

“Aria di Spagna” – Un saluto e un ringraziamento

¡Hola! Con i ventagli dell’Aria di Spagna i docenti de “L’Humor Bizzarro 2018” vi augurano una buona estate

Il Teatro della Memoria ringrazia la Regione Lazio patrocinatrice dello spettacolo finale, la Scuola Popolare di Musica di Testaccio, il Teatro Lo Spazio e tutti coloro che in vari modi hanno collaborato alla buona riuscita del workshop. Un ringraziamento particolare va ai docenti, ai corsisti e agli artisti ospiti che hanno dato vita a questa bellissima XVII edizione dedicata alle musiche e alle danze della cultura iberica o da essa influenzate. Un grazie infine al numeroso pubblico venuto ad applaudire lo spettacolo conclusivo.
Aria di Spagna Humor Bizzarro 2018

Lo Staff di “L’Humor Bizzarro 2018” con l’abanico negro, gadget del workshop

Per info sull’evento vedi il precedente post.

Torna il corso estivo SMAV a Palazzo Grimani

Dal 6 all’8 Settembre la III edizione del corso di musica barocca organizzato dalla Scuola di Musica Antica di Venezia

SMAV corsoestivo Palazzo Grimani

Con piacere diffondiamo il comunicato dei nostri amici della SMAV – Scuola di Musica Antica di Venezia.
La Scuola di Musica Antica di Venezia organizza la III edizione del corso estivo di musica barocca, presso Palazzo Grimani, Venezia, dal 6 all’8 settembre 2018.

Gli insegnanti dei corsi sono:

  • Giulia Semenzato – canto
  • Nicola Lamon – clavicembalo e organo
  • Zoya Karapetyan – laboratorio madrigalistico
  • Simone Amelli – tromba e tromba barocca
  • Ilaria Sainato – danza rinascimentale e barocca
  • Marco Rosa Salva – flauto dolce

Musica d’insieme e da camera a cura di tutti gli insegnanti.

Sabato 8 settembre, al termine delle lezioni, ci sarà il concerto finale dei corsisti.

Per informazioni e domande di iscrizione:
info@smavenezia.com
tel.: 320-7232837 – 041-5231461

“Drink to me only with thine eyes”. A musical Picnic with Jane Austen

Jane Austen musical picnic

Il 12 agosto l’Ensemble Regency de Il Teatro della Memoria in un concerto-aperitivo al Bar Il Glicine di Montemerano (Grosseto)

Accanto alla porta medievale di ingresso allo splendido borgo di  Montemerano, domenica prossima sarà possibile ascoltare un concerto–aperitivo con le musiche che venivano ascoltate nei salotti all’epoca dei romanzi di Jane Austen. Per riproporre l’ambiente sonoro, i brani saranno eseguiti da un ensemble con copie di strumenti del periodo Regency. I musicisti, tutti specializzati nell’esecuzione storicamente informata saranno Lara Cocca (flauto), Angela Paletta (oboe), Andrea Toschi (fagotto), Andrea Damiani (chitarra).

Chi viene a Montemerano, oltre a visitare la Chiesa di San Giorgio con affreschi del Quattrocento e la Madonna della Gattaiola, può  fare un bagno nelle vicine Cascate del Mulino o alle Terme di Saturnia

montemerano cuoreIndicazioni stradali: dalla costa tirrenica si può raggiungere Montemerano passando per Manciano (da Albinia SS74, da Montalto di Castro SP105); dalla Tuscia Viterbese seguire le indicazioni per Valentano-Ischia di Castro-Farnese. Da Grosseto seguire la SS322 per Scansano. Chi viene dall’Amiata può raggiungere Montemerano passando per Saturnia. Da Roma prendere l’Autostrada per Civitavecchia fino al Tarquinia, poi SS1 Aurelia fino a Montalto di Castro e poi SP105. (coordinate 42.621550, 11.491170 – vedi mappa su Google Maps).

12 agosto  2018 ore 10,30 – Bar Il Glicine
piazza Canzanelli 10/a – Montemerano (Grosseto)

Infotel: 328-3645555 mail: info@teatrodellamemoria.org

Al Teatro Lo Spazio spettacolo conclusivo di “L’Humor Bizzarro 2018”

Maestri e allievi del workshop internazionale de Il Teatro della Memoria in scena il prossimo sabato 4 Agosto

Teatro Lo Spazio Humor Bizzarro

clicca per scaricare la locandina in PDF

Si avvia alla conclusione la XVII edizione del Workshop internazionale L’Humor Bizzarro – Intarsi di musica e danza antica e i numerosi corsisti impegnati in un intenso lavoro presso la sede della storica Scuola Popolare di Musica di Testaccio sotto la guida di artisti attivi a livello internazionale. Per la danza: Claudia Celi (Danze del XVI-XVII secolo fra Italia e Spagna), Ilaria Sainato (Danze del XVII-XVIII secolo tra Francia e Spagna, Gestualità retorica per i cantanti) e Paolo Di Segni (Danze di Società del XIX secolo); per la musica: Rosanna Rossoni (Canto rinascimentale e barocco), Marco Rosa Salva (Flauto dolce), Angela Paletta (Oboe barocco, Qi Gong), Francesco Tomasi (Liuto rinascimentale, Tiorba e Chitarra Barocca), Ercole Nisini (Trombone rinascimentale e barocco),  Paolo Tagliapietra (Accompagnatore al cembalo). Oltre alle lezioni individuali, i corsisti partecipano al fianco dei maestri al prezioso lavoro di accompagnamento al canto e alla danza e ai laboratori di musica d’insieme.

Lo spettacolo conclusivo del workshop di quest’anno è intitolato Un’Aria di Spagna ed è dedicato a  colori, suoni, danze della cultura iberica o da essa influenzati. Come sempre nello spettacolo conclusivo i corsisti verranno affiancati dai docenti e dai maestri ospiti, ponendo particolare attenzione al rapporto fra musica e danza (sempre accompagnata dal vivo anche durante le lezioni). Alla manifestazione è stato concesso il patrocinio gratuito  da parte del Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti.

Con l’occasione Claudia Celi e Andrea Toschi – direttori artistici de Il Teatro della Memoria – desiderano ringraziare tutti coloro che negli anni a vario titolo hanno dato il loro contributo alla realizzazione delle varie edizioni de L’Humor bizzarro.

Teatro Lo Spazio – via Locri 42/44 – Roma (zona San Giovanni)
Sabato 4 agosto 2018 – ore 18,15 – Ingresso libero
È necessaria la prenotazione al n.  320-0557319 entro le ore 12 del 4 agosto
e-mail:
info@teatrodellamemoria.org

Al Ponchielli di Cremona “La patienza di Socrate con due mogli”

A conclusione del Monteverdi Festival 2018 va in scena lo «Scherzo drammatico per musica» composto da Antonio Draghi nel 1680

Riportiamo il comunicato del Teatro Ponchielli di Cremona:

Monteverdi Teatro Ponchielli

Festival Claudio Monteverdi

LA PATIENZA DI SOCRATE CON DUE MOGLI

di Antonio Draghi

YOUNG BAROCCO

Studenti, docenti, operatori culturali uniscono le forze per allestire uno ‘scherzo drammatico per musica’ che Antonio Draghi, Kapellmeister alla corte asburgica, scrisse per Vienna, in occasione del suo trasferimento a Praga per sfuggire alla peste intorno al 1679/1680. Regia e coreografia sono affidate alla musicologa e danzatrice barocca Ilaria Sainato, la concertazione e direzione all’eclettico Roberto Perata che guiderà l’Orchestra barocca del Conservatorio di Mantova. Un progetto fatto dai giovani professionisti di domani per celebrare la Festa della Musica.

Cantanti
Allievi del Conservatorio di Musica “L. Campiani”, Mantova

Corpo di ballo
Studenti del Dipartimento di Musicologia, Cremona (Seminario di danze storiche)

Orchestra
Orchestra Barocca del Conservatorio “L. Campiani”, Mantova

Ilaria Sainato, regia e coreografia
Roberto Perata, direttore

Sfoglia il programma di sala

Location: Palcoscenico del Teatro

Date evento:
giovedì 21 giugno 2018 ore 21:00
venerdì 22 giugno 2018 ore 21:00

Posto unico numerato € 10,00
biglietto studenti € 8,00
Biglietti in vendita presso la biglietteria del Teatro.

Contatti
Informazioni e prenotazioni telefoniche ai numeri:
0372.022.001 e 0372.022.002.

Mail (per informazioni non per prenotazioni):
biglietteria@teatroponchielli.it

Le foto di “Sulla rotta di Cristoforo Colombo”

Presso la Chiesa del Collegio dei Padri Verbiti Florilegium Musicae in un programma di musiche fra Spagna e America latina nell’epoca coloniale

 

Foto scattate da Claudia Celi

Lo scorso giovedì 31 maggio 2018 presso la Chiesa del Collegio dei Padri Verbiti l’ensemble Florilegium Musicae diretto da Remo Guerrini ha presentato Sulla rotta di Cristoforo Colombo. Il viaggio della musica dalla Spagna in America Latina al tempo della colonizzazione. In programma musiche composte da Mateo Flecha el viejo, Juan Vasquez, Antonio de Cabezon, Pedro de Christo, Ignazio Quispe, Gapar Fernandez, Juan da Arauo, Juan Guitierrez de Padilla, affiancate da composizioni anonime e dal Codex Trujillo. Il concerto è stato arricchito da una introduzione del Prof. Dr. Luis Martínez Ferrer, Ordinario di Storia della Chiesa Moderna e Contemporanea presso la Pontificia Università della Santa Croce.

Solisti di canto: Sarah D’Angelo, Rosanna Rossoni, Edoardo Boccoli, Federico Fioretti.

Strumentisti: Sabine Cassola, Stefania Grillo, Celestino Dionisi, Paola Giuffrè, Maurizio Scavone, Giuliano Bonelli, Silvia Trovatelli, Remo Guerrini, Eric Cassola.

Gruppo vocale Florilegium Musicae
Soprani: Maria Grazia Santi, Cristina Rovere, Evelyn Girardi, Federica Picotti, Giulia Mariti; Alti: Francesca Giancotti, Giulia Manili, Elisabeth Huber, Maria Tempio; Tenori: Danilo Vitali, Fabrizio Grosso, Sefano Ricco, Claudio Ferrara; Bassi: Stefano Canitano, Fabio Felici.

Direzione e concertazione: Remo Guerrini.

Convegno e concerti per Mario Castelnuovo-Tedesco

Alla Sapienza di Roma tre giornate di studi, con comunicazioni scientifiche ed esecuzione di musiche del compositore fiorentino

Mario Castelnuovo-Tedesco
Riportiamo il comunicato diffuso da Assonanze e Icamus:

Mario Castelnuovo-Tedesco: l’ignoto iconoclasta – Convegno internazionale di studi sull’opera e la poetica musicale di Mario Castelnuovo-Tedesco (Firenze 1895 – Beverly Hills 1968)
mct-header

Mario Castelnuovo-Tedesco: l’ignoto iconoclasta – Convegno internazionale di studi sull’opera e la poetica musicale di Mario Castelnuovo-Tedesco (Firenze 1895 – Beverly Hills 1968) – nasce dall’idea dell’Associazione di Giovani Musicologi di Sapienza Università di Roma Assonanze. Il progetto è sostenuto dalla sezione di Musicologia del Dipartimento di Studi greco-latini italiani scenicomusicali e la Scuola di Dottorato in Storia e Analisi delle Culture Musicali di Sapienza Università di Roma, con la collaborazione di ICAMus The International Center for American Music, Oberlin College & Conservatory, The University of Michigan School of Music, Theatre & Dance, Jean & Samuel Frankel Center for Judaic Studies of the University of Michigan, nonché il supporto della Famiglia Castelnuovo-Tedesco. Il Convegno intende analizzare l’opera compositiva di Mario Castelnuovo-Tedesco, a cinquant’anni dalla scomparsa, attraverso lo studio musicologico affiancato all’esecuzione delle sue opere. Musica eseguita e musica studiata diventano una prospettiva di ricerca completa che rende il giusto omaggio al compositore fiorentino.

Quindici gli studiosi coinvolti (Alessandro Avallone, Aloma Bardi, Annalisa Bini, Gianluca Bocchino, Simone Caputo, Silvia D’Anzelmo, Mila De Santis, Emanuele Franceschetti, Alessandro Maras, Fiamma Nicolodi, Susanna Pasticci, Franco Piperno, Antonio Rostagno, Valerio Sebastiani, James Westby) che proporranno nuove ricerche ed analisi musicali sul periodo italiano ed americano di MCT. Gli interventi si alterneranno a brevi momenti musicali a cura di MuSA, Musica Sapienza, che eseguiranno brani di Castelnuovo-Tedesco. In apertura e chiusura sono programmati due concerti di musica vocale da camera a cura di ICAMus, con composizioni rare ed inedite eseguite da Salvatore Champagne (tenore) e Howard Lubin (pianoforte) di Oberlin Conservatory of Music, e Caroline Helton (soprano), Kathryn Goodson (pianoforte) di The University of Michigan School of Music, Theatre & Dance. Alle relazioni convegnistiche ed ai concerti si affiancano due momenti distinti e complementari: le novità editoriali castelnoviane (ANGELO GILARDINO, Mario Castelnuovo-Tedesco. Un fiorentino a Beverly Hills, Curci, Milano, 2017; MARIO CASTELNUOVO-TEDESCO, La penna perduta (scritti 1919-1936), a cura di Mila De Santis, Aracne, Roma, 2017), ed una tavola rotonda con commenti e spunti di riflessioni, guidata da Andrea Chegai con Angelo Gilardino e Frederic Zigante, con la partecipazione di Andrea Di Vitis e Francesco Vizioli. Il Convegno si svolgerà dal 12 al 14 giugno 2018 presso l’aula Odeion della Gipsoteca del Museo di Arte Classica, edificio di Lettere e Filosofia di Sapienza Università di Roma, piazzale Aldo Moro n, 5. L’evento è gratuito ed è aperto al pubblico, non è richiesta alcuna registrazione.

Info:
assonanze.uniroma1@gmail.com
info@icamus.org
www.assonanze.it
www.icamus.org

Mct-footer

I momenti spettacolari organizzati dai ICAMus e introdotti da Aloma Bardi si terranno nei seguenti giorni:

  • Martedì 12 giugno 2018, ore 17Liriche su versi di poeti americani. Salvatore Champagne, tenore – Howard Lubin, pianoforte
  • Giovedì 14 giugno 2018, ore 17Liriche su versi di poeti italiani. Caroline Helton, soprano – Kathrin Goodson, pianoforte

Aula “Odeion” Gipsoteca – Museo Arte Classica. Edificio di Lettere e Filosofia, Piazzale Aldo Moro 5, Roma. . Ingresso libero.