Chi siamo

L’Associazione Il Teatro della Memoria è stata fondata nel 1992 al fine di realizzare ricerche di carattere storico, pubblicazioni, corsi e produzioni spettacolari. Fra le attività dell’Associazione i balli ottocenteschi presso palazzi d’epoca, la partecipazione a festival, rassegne, mostre e rievocazioni storiche in Italia e all’estero. Fra gli ultimi interventi nel campo della musica e della danza storica gli spettacoli presso il Musée de l’Ariana a Ginevra, per la Soprintendenza per il Patrimonio Storico Artistico e Demoetnoantropologico per la Calabria, per l‘Università di Roma – Tor Vergata, per il “Mesaionikò Festival” (Rodi, Grecia) e nell’ambito delle rassegne “Notturni in Villa” a Milano, “BolognaEstate“, “I Concerti nel Parco” a Roma, “Suoni e Luoghi d’Arte” presso la Reggia di Caserta, “Fuga dalla danza” organizzata dall’Accademia Nazionale di Danza, “Festa Barocca” presso Palazzo Vecchio a Firenze, “I Concerti del Gonfalone” a Roma. Nel 2010 Il Teatro della Memoria è stato fra i partner dell’evento “Alla Corte di Giulio II – La storia continua la tradizione” promosso dal Comune di Roma per la riscoperta del Carnevale Romano. Dal 2002 organizza prima a Bagnacavallo e poi a Roma il workshop “L’Humor bizzarro – corsi concerti e laboratori di musica e danza antica”.

Claudia Celi danzatrice, laureata all’Università di Roma-La Sapienza in Storia del Teatro e dello Spettacolo con una tesi sulla danza aulica italiana nel Rinascimento, si è specializzata in danze storiche con maestri di fama internazionale quali Barbara Sparti, Francine Lancelot, Shirley Wynne, Angene Feves, Cecilia Gracio Moura e Ana Yepes. Dal 1982 è docente di Storia della Danza presso l’Accademia Nazionale di Danza, di cui è stata vice-direttrice dal 1991 al 1995. Attualmente è anche docente presso l’Università di Roma – La Sapienza per il corso di Laurea magistrale in Spettacolo teatrale, cinematografico e digitale. Ha tenuto corsi regolari di Storia della Danza presso la Scuola di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma.  Nel 2001 è stata nominata dal Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca, quale componente del Gruppo di lavoro relativo all’area della Danza per l’elaborazione dei nuovi ordinamenti didattici delle Accademie e dei Conservatori. Ha partecipato a convegni in Italia e all’estero e collaborato con centri di ricerca ed Università. Pubblica su riviste specializzate fra cui Chorégraphie e Cairon (anche in qualità di redattrice), La Danza Italiana e La Nuova Rivista Musicale Italiana. Fra le sue pubblicazioni, i capitoli sul balletto in Italia nell’Ottocento per Musica in Scena – Storia dello spettacolo musicale edita dalla UTET e numerose voci per la International Encyclopedia of Dance, il Dictionnaire Larousse de la Danse e il Dizionario Biografico degli Italiani. Parallelamente alla attività accademica, continua l’attività artistica nel campo delle danze storiche, iniziata nel 1977 con il Gruppo di Danza Rinascimentale di Roma, diretto da Barbara Sparti, gruppo che nel 1981 è stato insignito del Premio “Jia Ruskaja” per la didattica e la cultura coreica. Con questo ed altri gruppi ha preso parte a rassegne e festival italiani e internazionali. Nell’ambito di una continuativa attività di divulgazione della danza storica ha partecipato a convegni in Italia e all’estero, fatto parte di giurie di concorsi e tenuto corsi e seminari di danza antica per teatri, università, conservatori e centri di ricerca, quali la Fondazione Teatro Massimo di Palermo (Officina-Laboratorio delle Arti e dei Mestieri del Palcoscenico), la Scuola Internazionale dell’Attore Comico (Reggio Emilia), l’A.N.I.D. (Associazione Nazionale Insegnanti di Danza), il Conservatorio A. Casella (L’Aquila), il Centro Sperimentale di Cinematografia (Roma) ed ha curato manifestazioni didattiche e saggi-spettacolo di danze storiche per la Scuola di Ballo del Teatro dell’Opera di Roma e per l’Accademia Nazionale di Danza, presso la quale tiene regolarmente dall’anno accademico 2005/06 gli insegnamenti di Danze Storiche per i Trienni e i Bienni.

Andrea Toschi, laureato in Matematica presso l’Università di Roma nel 1973, affianca alla ricerca gli studi musicali. Nel 1975 partecipa alla fondazione della Scuola Popolare di Musica di Testaccio, ove insegna Flauto Dolce ricoprendo anche l’incarico di Direttore Organizzativo nell’anno 1977/78. Nel 1980 si diploma in Fagotto presso il Conservatorio dell’Aquila ed inizia un’intensa attività freelance che lo porta a collaborare con le principali orchestre di Roma (Accademia di S. Cecilia, Orchestra Sinfonica della Rai, Teatro dell’Opera di Roma, Orchestra di Roma e del Lazio), il Teatro Massimo di Palermo e molti altri gruppi e orchestre da camera. Ha collaborato con vari ensemble di musica antica, suonando copie di strumenti storici. Ha curato le ricostruzioni musicali per spettacoli di danze storiche, in particolare per le produzioni dell’Associazione “Il Teatro della Memoria”. Ha condotto ricerche sul rapporto fra musica danza, partecipando a convegni internazionali e pubblicando saggi su riviste specializzate fra cui “La Nuova Rivista Musicale Italiana”, “The Double Reed”, “La Danza Italiana”, “Il Flauto Dolce”, “Chorégraphie”, “Le Fonti Musicali in Italia”, “Cairon”. Ha inoltre curato voci su compositori di musica da balletto per il “Dictionnaire Larousse de la Danse”.

Lasciate il vostro commento / Leave a reply

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 210 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: